Siccità, deroghe e anticipi sui pagamenti: da Ue piano di aiuti agli agricoltori

Via libera a una serie di misure straordinarie per venire incontro alle richieste dei settori in difficoltà finanziarie a causa delle condizioni meteorologiche sfavorevoli

Deroghe alle norme per l'utilizzo dei terreni e anticipi sui pagamenti diretti previsti nell'ambito della Pac, la politica agricola comune. Sono alcune delle misure straordinare cui l'Unione europea e i suoi Stati membri, riuniti in un comitato tecnico, hanno dato il via libera. Le misure, che erano state proposte dalla Commissione Ue, serviranno ad aiutare agricoltori e allevatori in difficoltà finanziarie a causa delle condizioni meteorologiche sfavorevoli, come la siccità, e per aumentare la disponibilità di foraggio.

Per il commissario europeo all'Agricoltura Phil Hogan "da quando sono iniziati gli eventi climatici estremi, seguiamo la situazione da vicino e siamo pronti a sostenere i nostri agricoltori. La Commissione è stata in contatto con tutti gli Stati membri durante tutto il processo e abbiamo reagito rapidamente quando era necessario. Queste misure dovrebbero alleviare le difficoltà finanziarie degli agricoltori europei e proteggerli dalla penuria di foraggio per il loro bestiame".

Le misure concordate, ricorda Confagricoltura, che in una nota esprime apprezzamento per la decisione Ue, riguardano 18 Stati membri: Belgio, Bulgaria, Repubblica Ceca, Irlanda, Grecia, Spagna, Francia, Croazia, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Ungheria, Polonia, Portogallo, Romania, Finlandia e Regno Unito e prevedono la possibilità di anticipare i pagamenti della Pac fino al 70% per quelli diretti, a partire dal prossimo 16 ottobre, e dell'85% per quelli per lo sviluppo rurale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Patatine fritte, l'Ue va alla guerra (commerciale) con la Colombia

  • Tanto lavoro, pochi migranti: il decreto flussi non funziona. M5s: "Va rivisto"

  • L'Efsa contro la strage dei pulcini: sostenere le innovazioni per evitarla

  • "Basta a salse con derivati dal petrolio al posto del tartufo"

  • Basta sprechi, ecco le 10 mosse per ridurre il cibo che finisce in spazzatura

  • Mangi poche verdure? “Colpa” di un gene

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento