menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Ue: "Sicurezza alimentare non è a rischio, pensiamo alla sostenibilità ambientale"

A preoccupare Bruxelles è più l'impatto della produzione di cibo sul Pianeta che la carenza di alimenti, che è stata evitata anche durante la pandemia di Covid-19

Quasi sessant’anni dopo il lancio della Politica agricola comune, Bruxelles ha messo da parte la sicurezza alimentare, “che non è più una delle principali preoccupazioni per l'Unione europea”. Ad annunciarlo è stato il commissario all’Ambiente, Virginijus Sinkevicius, nel corso di un’audizione presso la commissione Agricoltura del Parlamento europeo. Più che un declassamento dell’importanza dell’approvvigionamento di cibo in tutta Europa, l’affermazione del commissario lituano pare che si basi sulla prova di resistenza data dal settore agroalimentare Ue negli ultimi mesi. “La pandemia di Covid-19 - ha detto ai parlamentati - ha dimostrato la resilienza dell'approvvigionamento alimentare dell’Ue”.

Le priorità ambientali

Il commissario ritiene prioritarie altre sfide, come lo spreco alimentare, i consumi eccessivi, l'obesità e l’impatto ambientale dell’intero settore agroalimentare su scala europea e mondiale. Secondo Sinkevicius, il modo migliore per garantire la sicurezza alimentare nel prossimo futuro è quello di passare al più presto a sistemi di produzione più sostenibili al fine di affrontare drammatici cambiamenti causati dal riscaldamento globale e dalla perdita di biodiversità. “Un periodo di elevata disoccupazione e bassi tassi di interesse è il momento ideale per investire in progetti finalizzati al ripristino della natura, delle aree protette, e per incentivare l'agricoltura biologica e le infrastrutture verdi”, ha sottolineato l’esponente dell’esecutivo europeo.

Le reazioni

Le affermazioni del giovane commissario di fronte agli eurodeputati hanno causato alcune perplessità tra i politici presenti. Il concetto di sicurezza alimentare e dell’approvvigionamento di cibo a prezzi accessibili a tutti gli europei è infatti il cardine della Pac, nata come programma di sostegno agli agricoltori. Anche nel quadro finanziario in scadenza nel 2020, i fondi agricoli rappresentano la maggioranza relativa dei fondi Ue. A intervenire dopo l’audizione è stato il presidente della commissione agricoltura, l'eurodeputato tedesco Norbert Lins, il quale ha riaffermato che gli obiettivi Ue di garantire che il sistema agroalimentare continui ad assicurare la sicurezza alimentare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento