Abitudini alimentari europee insostenibili, hanno un impatto sul resto del pianeta

Secondo uno studio l'Europa “esternalizza” i problemi non coltivando ma importando prodotti come soia e olio di palma causando disboscamenti in altri continenti. E nel frattempo spreca il 20% del suo cibo

La foresta Amazzonica sempre più disboscata - ANSA/UFFICIO STAMPA GREENPEACE

Ecologisti in casa propria ma spostando gli effetti negativi sul fronte ambientale dall’Europa agli altri continenti, ad esempio non producendo ma importando i prodotti che hanno un maggiore impatto come i mangimi di soia e l’olio di palma. Gli esperti dell’Ipes-Food (Gruppo internazionale di esperti per i sistemi alimentari sostenibili) puntano il dito contro l’Ue, la quale “sta esternalizzando sempre di più l’impronta ambientale dei suoi sistemi alimentari”. Tale fenomeno, a detta del gruppo di esperti composto da scienziati ambientali, economisti, nutrizionisti, agronomi e sociologi, sarebbe reso “ancora più critico dal fatto che circa il 20% degli alimenti prodotti ogni anno nell’Unione europea finiscono buttati o sprecati”.

Il rapporto dell’Ipes, che chiede la nascita di una Politica comune alimentare per l’Ue finalizzata alla transizione sostenibile del nostro modo di produrre e consumare cibo, evidenzia le contraddizioni delle politiche esistenti. E, soprattutto, i danni che stanno facendo tali contraddizioni. Per fare un esempio, “l’Europa perde 970 milioni di tonnellate di suolo ogni anno”, si legge nel rapporto. “L’11% del suo territorio soffre di un’erosione da moderata a forte” e ad incidere negativamente sono soprattutto “i pesticidi e i fertilizzanti a base di azoto” i quali “hanno un impatto inedito sui vegetali e gli insetti”.

“La perdita di biodiversità - si legge - mette a repentaglio una lunga serie di servizi ambientali, quale per esempio l’impollinazione di molte colture alimentari il che a sua volta mette in pericolo i rendimenti futuri e viene a costare ben 3% del Pil mondiale ogni anno”, in barba a tutti i dibattiti sulla ripresa economica. “I sistemi agricoli e alimentari mondiali contribuiscono sino al 30% delle emissioni di gas effetto serra”, denunciano gli esperti. E qui si intravedono gli effetti di un sistema alimentare che danneggia le produzioni locali, a vantaggio di quelle che possono garantire un prezzo più concorrenziale. “Il 31% dei terreni che permettono di rispondere alla domanda europea di alimenti si trova fuori dall’Europa”, sottolinea il rapporto. 

“L’Ue importa quasi 22 milioni di tonnellate l’anno di mangimi a base di soia” spiegano gli esperti, ricordando che buona parte di questi arrivano anche dai Paesi sudamericani, “dove si sono riportati casi di deforestazione (responsabile del 20% delle emissioni di CO2 mondiali), espulsione forzata della popolazione locale, avvelenamento da pesticidi e violazioni dei diritti nelle zone di coltura intensiva destinata all’esportazione”.  Lo studio evidenzia che l’import europeo rappresenta, da solo, “quasi un quarto del commercio mondiale di soia, manzo, cuoio e olio di palma provenienti dal disboscamento illegale nei tropici”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insomma, un sistema di consumo che non vuole rinunciare a certe risorse alimentari il cui sfruttamento intensivo è giudicato insostenibile in Europa, ma tollerabile se avviene altrove. È il caso della domanda europea di pesce, soddisfatta per meno della metà dalla produzione interna. “Ciò significa - continua il rapporto - che l’Europa ha anche un impatto molto importante sulle risorse marine mondiali”.   “I sistemi agricoli e alimentari europei - specificano gli esperti - necessitano di un cambio di rotta di 360 gradi perché si trovano oggi dinanzi a sfide gravi, sistemiche e interconnesse”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • Polvere di roccia sui campi agricoli per eliminare la CO2. L’idea degli scienziati per ripulire l’aria

  • Le Alpi si tingono di rosa, un'alga colora la neve ma la fa anche sciogliere prima

  • Focolai di Covid-19 negli allevamenti in Olanda: migliaia di visoni abbattuti

  • Anche in Austria i macelli diventano focolai di coronavirus

  • Ricorso all'Ue contro la legge che vieta di chiamare 'burger' e 'salsicce' i prodotti vegan

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento