La Corte Ue 'salva' i lupi: "No a permessi di caccia se non in casi estremi"

Esulta l'ong animalista 'Eurogroup for animals'. Il caso riguarda una legge finlandese, ma la sentenza è valida per tutti i Paesi dell'Unione. E tocca da vicino anche l'Italia

Nell'Unione europea i lupi non si toccano. Se non in casi estremi. La Corte di giustizia dell'Ue ha infatti emesso una sentenza in cui si afferma che il lupo è una specie che gode per legge di una rigida protezione. Pertanto, i permessi di caccia possono essere rilasciati solo in casi eccezionali e come ultima risorsa dopo che le misure non letali sono state adeguatamente attuate.

La sentenza della Corte riguarda un caso sollevato in Finlandia dalle associazioni animaliste: l'Agenzia per la fauna selvatica di Helsinki aveva rilasciato dei permessi di caccia, nonostante, affermano le ong, nel Paese siano rimasti appena 200 lupi. Il ricorso ai giudici europei ha avuto successo. "La decisione - si legge in una nota di Eurogroup for animals - sottolinea che il lupo è una specie strettamente protetta e che le disposizioni della direttiva Habitat dell'Ue devono essere interpretate alla luce del principio di precauzione". In altre parole, se sussiste il rischio (a causa della mancanza di dati scientifici) che un permesso di caccia influisca negativamente sulla conservazione della più ampia popolazione di lupi, non va concesso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Gli sforzi degli Stati membri dovrebbero concentrarsi sulla prevenzione dei conflitti e garantire la coesistenza con il lupo e altre specie strettamente protette, invece di chiedere permessi di caccia", afferma Reineke Hameleers, direttrice dell'oganizzazione. La sentenza tocca da vicino anche l'Italia, dove da mesi alcune associazioni di allevatori, spalleggiate da forze politiche come la Lega, chiedono all'Ue di eliminare le protezioni per i lupi, lamentando enormi danni alle loro attività. Richieste che la Commissione non ha avvallato, concedendo pero' agli allevatori colpiti la possibilità di ottenere rimborsi fino al 100% per i danni causati dai lupi.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un 'carico di virus' dalla Cina bloccato in Italia: "Sventati gravi rischi per le piante"

  • "Trasformiamo il vino in 'amuchina'", l'idea italiana contro il Covid

  • Paghi la birra ora, la bevi quando riapre il locale: nasce il "pub solidale" contro il coronavirus

  • Il coronavirus "libera" 1 milione di posti di lavoro nell'agricoltura europea

  • Coronavirus, ora il grano vale più del petrolio

  • Non solo coronavirus, ora il gelo primaverile mette a rischio pesche e kiwi

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento