"Bruxelles renda pubblico lo studio su impatto agricoltura su clima", l'appello del Wwf

La denuncia dell'organizzazione ambientalista: "Il settore agricolo è responsabile del 15% delle emissioni di gas serra dell'Ue"

Uno studio sull'impatto della Politica agricola Ue sul clima che ancora non è stato reso pubblico, nonostante sia passato quasi un anno dalla data annunciata. E' questo il documento a cui il Wwf ha chiesto ufficialmente di poter accedere con una lettera formale presentata alla Commissione europea.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il documento, realizzato da esperti esterni, contiene la valutazione di impatto della Pac sul clima e avrebbe dovuto essere pubblicato nell'estate 2018. La Commissione europea ha 15 giorni lavorativi per rispondere alla richiesta, presentata a pochi giorni dal prossimo Consiglio agricoltura in programma il 14 maggio, con all'ordine del giorno l'assetto della futura Pac. "Il settore agricolo è responsabile del 15% delle emissioni di gas serra dell'Ue - spiega Jabier Ruiz del Wwf Europa - quando invece potrebbe catturare e immagazzinare molta più Co2 e i ministri devono discutere del futuro dell'agricoltura e della politica climatica con tutti gli elementi sul tavolo, ecco perché il Wwf ha presentato una richiesta di libertà di informazione per la valutazione". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage di pesci e animali ubriachi in Slovenia: "Colpa del vino nel fiume"

  • Crostacei contaminati da microplastiche: la triste scoperta italiana nel mar Artico

  • "Macelli focolai di coronavirus", la Germania vara una stretta sull'industria della carne

  • Stagionali rumeni bloccati dal Covid, vendemmia a rischio

  • La truffa dei cibi anti-Covid: "Nemmeno il lockdown ha fermato le frodi alimentari"

  • Dall'Ue ok all'etichetta a batteria "salva made in Italy"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento