rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Ambiente&Clima

Xylella, potenziato il monitoraggio anche in Liguria

La regione ha deciso l'impiego di 130mila euro a favore dell'Istituto floricoltura per aumentare i controlli

Quello della Xylella è un problema che riguarda la Puglia ma questo non vuol dire che in futuro non potrebbero esserci problemi anche in altre regioni italiane, per questo è importante la prevenzione. A questo scopo la giunta regionale della Liguria, su proposta dell'assessore all'Agricoltura Stefano Mai, ha deciso l'impegno di 130 mila euro a favore dell'Istituto Regionale per la Floricoltura (Irf) per il potenziamento della rete di monitoraggio degli organismi regolamentati e dei relativi accertamenti diagnostici. "Il progetto - spiega l'assessore Mai - in collaborazione tra l'Istituto Regionale per la Floricoltura e il Settore Fitosanitario Regionale, contribuisce a incrementare la sorveglianza del territorio con campagne di monitoraggio degli organismi dannosi e incide positivamente sulla capacità diagnostica dei laboratori per aumentare il numero degli organismi monitorati e delle diagnosi effettuate su matrice vegetale e su insetti".

"In Liguria - continua l'assessore - si monitorano decine di insetti e fitopatie e tra le principali riscontriamo la flavescenza dorata della vite e la Xylella, per cui sono già state condotte circa mille ispezioni visive su tutto il territorio Ligure e oltre 600 indagini di laboratorio su campioni vegetali e insetti vettori, che ci permettono di dichiarare che la Liguria è esente da Xylella”. Proprio su quest'ultima fitopatia, ha spiegato Mai, “la Commissione Europea ha emesso norme stringenti e la Regione Liguria continuerà a effettuare indagini molecolari e anche visite presso le aziende agricole che hanno presentato la domanda per l'autorizzazione dell'emissione del passaporto verde per il commercio delle piante".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Xylella, potenziato il monitoraggio anche in Liguria

AgriFoodToday è in caricamento