rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
annunci

Le startup agricole del Mezzogiorno possono partecipare a un bando dell'Eni

Le realtà selezionate riceveranno supporto finanziario e tecnico, grazie alla collaborazione con la scuola per l'impresa della Basilicata, istituzioni locali e Università

Parte oggi “Basilicata Pitch2Pitch” la call per l'innovazione promossa da Joule, la scuola di Eni per l’impresa in Basilicata centrata sul tema dell'agritech-agroenergia. L’obiettivo è quello di supportare soluzioni tecnologiche innovative che abbiano come focus principali la tutela e valorizzazione delle specie animali e vegetali, il risparmio delle risorse, una migliore gestione dei processi e la commercializzazione di prodotti per lo sviluppo sostenibile della filiera agricola. L’iniziativa, sostenuta dal Dipartimento delle Politiche Agricole e Forestali della Regione Basilicata, vede la collaborazione di tre partner quali la Fondazione Politecnico di Milano, PoliHub, l’Innovation Park & Startup Accelerator del Politecnico di Milano. A questi si aggiungono ALSIA, l’Agenzia Lucana di Sviluppo e Innovazione in Agricoltura, l'ente della Regione Basilicata specializzato nella ricerca e il trasferimento delle innovazioni in agricoltura e nell’agroalimentare.  

Basilicata Pitch2Pitch, dichiara Eni in una nota, “punta ad aumentare, attraverso una logica di co-innovazione con il mondo della ricerca e dell’innovazione del Sud Italia, la capacità competitiva dell’ecosistema di aziende agricole del territorio lucano e a promuovere lo sviluppo del territorio in un’ottica di ripartenza del tessuto socio-economico a seguito della complessa emergenza pandemica”. La call si rivolge a startup già costituite in forma di società di capitali, spinoff o team di progetto che abbiano sede legale o operativa nelle Regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna). Queste devono essere in grado di proporre prodotti, servizi o tecnologie innovative ad alto potenziale di sviluppo.

I team e gli imprenditori agricoli selezionati potranno accedere a diversi vantaggi, quali supporto finanziario e mentorship tecnica, sulla base della maturità imprenditoriale, verificando la fase di business idea per le aziende agricole e la proof-of-concept per le startup e le Piccole e medie imprese innovative. Altra novità della call è il research award destinato ai progetti in fase di validazione sperimentale che avranno la possibilità di testare la propria idea innovativa presso il Casf (Centro Agricolo di Sperimentazione e Formazione) di Eni a Viggiano, in provinca di Potenza. ALSIA fornirà il supporto tecnico-scientifico e metterà a disposizione la propria rete di aziende sperimentali e dimostrative ai progetti vincitori che vorranno eseguire attività di sviluppo delle innovazioni.  

Il progetto vuole creare anche un network con le Università del Mezzogiorno, come l’Università degli Studi della Basilicata, l’Università della Calabria, l’Università Federico II di Napoli, l’Università degli Studi di Messina, l’Università degli Studi 'G. d'Annunzio' Chieti – Pescara, l’Università degli Studi di Enna "Kore", l’Università degli Studi di Salerno, l’Universita' degli Studi di Teramo, l’Università degli Studi del Molise e l’Università di Foggia. In quanto partner istituzionali, tutti questi enti accademici saranno coinvolti nelle iniziative di comunicazione e valorizzazione dell’iniziativa.   Si tratta della seconda edizione di questa call, che nasce dall’evoluzione di “SouthUp!”, progetto pilota promosso da Joule nel 2021.  

Tra i vincitori della scorsa edizione, dai 40 selezionati nelle prime fasi dell’iniziativa, si segnala la collaborazione tra la startup siciliana SmartIsland e l’azienda lucana La Fonte Antica che ha portato, attraverso l’adozione di uno smart device per l’ottimizzazione della risorsa idrica, ad un risparmio sul costo energia di 10.368 euro l'anno su 20 ettari di coltivazione di ortaggi, mentre oltre 77mila euro sono stati recuperati su 150 ettari destinati ai cereali. Biosogna inoltre calcolare un risparmio idrico complessivo che sfiora i 61 mila euro. Per candidarsi si ha tempo fino al 5 agosto andando sul sito www.basilicatapitch2pitch.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le startup agricole del Mezzogiorno possono partecipare a un bando dell'Eni

AgriFoodToday è in caricamento