Allevatori vogliono poter sparare agli avvoltoi protetti in Francia: “Uccidono il bestiame”

Scontro con gli animalisti, che non credono ai racconti dei pastori. Ma uno di loro sostiene di essere intervenuto per salvare un agnello dagli artigli di cinque rapaci, che sono comunque riusciti a staccargli la coda e a mutilargli un orecchio

Foto: EPA/RONALD WITTEK

Le sigle sindacali degli allevatori francesi fanno appello al Governo di Parigi affinché faccia qualcosa per mettere un freno alla riproduzione incontrollata della specie protetta degli avvoltoi grifoni, in seguito a una serie di attacchi a ovini e bovini nella Francia centrale. Secondo i rappresentanti degli agricoltori, nella regione dell'Alta Loira almeno dieci animali solo nel mese di giugno sarebbero stati uccisi in altrettanti attacchi da parte degli avvoltoi. I sindacati chiedono di avere diritto di sparare colpi di avvertimento per spaventare gli uccelli che godono di uno status protetto. Ma gli allevatori pretendono anche di poter rimuovere le uova dai nidi per limitarne la popolazione in crescita.

Animalisti contro gli allevatori

Gli agricoltori affermano che le misure per proteggere gli avvoltoi hanno portato a un forte aumento della popolazione. Gli uccelli più grandi hanno un'apertura alare di quasi tre metri e possono pesare più di 9 kg. Ma le richieste delle fattorie sono state subito bollate come inaccettabili da parte della Lega francese per la protezione degli uccelli, che accusa gli agricoltori di creare allarmismo. Gli animalisti sottolineano che gli avvoltoi si nutrono di carcasse e definiscono “altamente improbabili” le affermazioni secondo cui i volatili avrebbero ucciso pecore e bovini. L’associazione ipotizza invece che gli animali siano morti per cause naturali prima di essere mangiati dagli avvoltoi.

L'episodio 

Laurine Rousset, la presidente della sezione locale del sindacato dei giovani agricoltori, ritiene che gli animalisti abbiano torto. “Ogni volta gli avvoltoi hanno attaccato animali che erano vivi e vegeti”, ha detto la sindacalista. "Non vi è alcun dubbio. Non permetteremo che ciò accada nuovamente”, ha avvertito. Un allevatore di pecore dell'Alta Loira, ha detto a La Montagne, un giornale locale, di aver assistito a un attacco due settimane fa. “Li abbiamo visti tuffarsi sul gregge”, ha ricordato. “Ce n'erano circa 40 o 50 in tutto, e cinque o sei attorno a un agnello. Abbiamo preso dei bastoni per spaventarli e abbiamo fatto molto rumore”. Una reazione che ha consentito al pastore di salvare il suo agnello, che ha comunque perso parti dell’orecchio e la coda.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'incontro

L’Eliseo, in risposta alle preoccupazione dei lavoratori delle zone rurali, ha organizzato un faccia a faccia tra i leader dei sindacati agricoli e i funzionari del ministero degli Interni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 400 anni dall'estinzione nel Regno Unito torneranno i castori

  • Bellanova: Giusto che il bonus ristorazione vada solo a chi acquista Made in Italy

  • Industria dello champagne in ginocchio: "Crisi peggio della Grande Depressione"

  • Agrumi infetti da Sud America e Cina, 7 casi intercettati prima dell'ingresso in Italia

  • Estate da record per le tartarughe, boom di nidi di caretta caretta

  • Controlli sul falso miele, in oltre l'8% dei casi trovati prodotti contraffatti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento