Cavalli mutilati e uccisi, paura negli allevamenti francesi

Dall'inizio dell'anno, nel Paese si sono registrati almeno 15 casi di violente mutilazioni, alcuni dei quali hanno portato alla morte degli animali. Secondo la polizia, potrebbe trattarsi di un rito legato a satanismo o a una semplice sfida

Le modalità sono simili: assalto notturno alle stalle con mutilazioni nei confronti di animali, quasi sempre cavalli o pony, alcuni dei quali hanno perso la vita. Come il puledro di 18 mesi è stato trovato morto nel suo recinto: era stato pugnalato al cuore e parti del corpo erano state rimosse. In Francia, sono almeno 15 i casi di allevamenti che sono stati oggetto di questo tipo atti criminali dall'inizio dell'anno. Fatti in un primo momento indagati come episodi isolati, ma che adesso, secondo gli investigatori transalpini, potrebbero essere collegati tra loro. 

"Al momento non sappiamo cosa ci sia dietro - ha detto al Guardian un portavoce della polizia - Un rito satanico, o qualche macabra caccia al trofeo o una sfida su internet? Non lo sappiamo, ma è molto frustante". Attacchi simili si sono verificati nella stessa Francia, ma anche in Belgio e Germania, tra il 2014 e il 2016. E allora come oggi, il mistero avvolge questi atti criminali. Atti che in un caso hanno rischiato di provocare anche una vittima umana.

In un rifugio per animali in Borgogna, il proprietario è stato portato in ospedale con una ferita da coltello dopo aver affrontato due uomini che avevano fatto irruzione nella proprietà per mutilare due pony e un cavallo. "Non ho avuto paura in quel momento, ma adesso sono molto arrabbiato. Uno dei pony aveva diversi tagli di coltello, uno dei quali lungo 50 cm sul lato destro. L'altro è stato ferito meno gravemente ma è estremamente traumatizzato", ha raccontato l'uomo, nella cui struttura si trovano oltre 100 animali abbandonati e maltrattati. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I casi come quello del rifugio in Borgogna hanno spinto gli invetigatori a diramare una comunicazioni ai proprietari degli allevamenti di tutta la Francia, consigliando loro di aumentare la vigilanza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La misteriosa malattia che sta uccidendo i kiwi italiani

  • È mandorle mania, da 5 anni in Europa l'ingrediente più usato nei nuovi prodotti alimentari

  • Birra e patatine a rischio per il clima, il Belgio in allarme

  • Londra vieta i gruppi di più di sei persone, ma non se si va a caccia

  • "Carne contaminata venduta sul mercato", l'allarme degli ispettori sanitari europei

  • La cannabis no, i grilli sì: il rischio Ue per i cibi alla canapa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento