Mercoledì, 28 Luglio 2021
Attualità

La Francia minaccia il veto sull'accordo Brexit per i diritti di pesca, rischio No Deal

Parigi non vuole cedere i diritti di sfruttamento delle acque britanniche ritenuti fondamentali per i suoi pescherecci, ma Londra vuole riappropriarsi a pieno delle proprie risorse

Foto Ansa EPA/Attila Balazs

Con i tempi che stringono sempre di più per raggiungere un accordo sulla Brexit, i diritti di pesca continuano a essere l'ostacolo più difficile da superare. La Francia di Emmanuel Macron sta guidando la rivolta di quei Paesi che vogliono la linea dura e che non sono disposti a perdere le quote di sfruttamento dei mari britannici, minacciando addirittura il veto nel caso sull'intero accordo nel caso in cui il Regno Unito di Boris Johnson non sia disposto a cedere alle loro richieste.

La minaccia di veto

"Se ci fosse un accordo che non va bene e che nella nostra valutazione non corrisponde ai nostri interessi, ci opporremo", ha detto il ministro agli Affari Europei, Clément Beaune. "Sì, ogni Paese ha il diritto di veto, quindi è possibile”, che verrà usato, ha continuato il ministro, spiegando che “dobbiamo fare la nostra valutazione, ovviamente, di questo accordo, è normale. Lo dobbiamo al popolo francese, lo dobbiamo ai nostri pescatori e ad altri settori economici ". Grazie alla Politica comune della pesca i pescherecci dei Paesi Ue hanno pieno accesso alle reciproche acque e così ben il 57% di quanto solitamente viene pescato nelle acque britanniche viene catturato da pescherecci appartenenti ad aziende europee e solo il 43% da quelli di imprese locali.

Il compromesso

Il capo negoziatore dell'Ue, Michel Barnier, che sta cercando un compromesso accettabile per tutti gli Stati europei interessati, ha suggerito una riduzione del 15-18 per cento della quota di diritti europei, la sua controparte David Frost, vuole indietro almeno il 60 per cento delle quote. Discussioni sono in corso anche sulla possibilità di ridiscutere i diritti su base annuale o pluriennale, o anche di legarli e delle specifiche specie di pesci. Oltre alla Francia anche i Paesi Bassi, la Danimarca e il Belgio sono preoccupati, in quanto le loro flotte fanno affidamento sulle sue acque inglesi.

Irlanda preoccupata

Il ministro degli Esteri irlandese, Simon Coveney, ha chiesto a Parigi di non opportsi all'accordo altrimenti il suo Paese sarebbe stato la vittima "del fuoco incrociato". A suo avviso ci sono ancora "buone possibilità che si possa raggiungere un accordo nei prossimi giorni", ma ha avvertito che tutte le parti devono essere consapevoli delle conseguenze del mancato raggiungimento di un accordo, che procurerebbe problemi al commercio e tensione in tutta Europa. "Un No Deal significherebbe che ci sarebbe un periodo di notevoli interruzioni, costi, stress e tensione e accuse reciproche tra Londra e Bruxelles", ha dichiarato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Francia minaccia il veto sull'accordo Brexit per i diritti di pesca, rischio No Deal

AgriFoodToday è in caricamento