“Senza accordo sulla Brexit, a rischio il 30% dell’export italiano”

Il Regno Unito potrebbe diventare un "porto franco del falso made in Italy in Europa". L'allarme arriva da Coldiretti, che teme anche i nuovi ostacoli amministrativi al commercio oltremanica

L'ultima minaccia del primo ministro britannico Boris Johnson rischia di trasformare il Regno Unito in un “porto franco del falso made in Italy in Europa”. Questo a causa della “mancata tutela giuridica dei marchi dei prodotti alimentari italiani a indicazioni geografica e di qualità (Dop/Igp) che rappresentano circa il 30% sul totale dell'export agroalimentare tricolore Oltremanica”. È l'allarme della Coldiretti, in riferimento all'ultimatum lanciato dal premier britannico sul negoziato con l’Unione europea per la Brexit. 

“Il made in Italy resterebbe senza protezione europea e subirebbe la concorrenza sleale dei prodotti di imitazione realizzati oltreoceano e nei Paesi extracomunitari come dimostrano - sottolinea la Coldiretti - le vertenze del passato nei confronti della Gran Bretagna con i casi della vendita di falso Prosecco alla spina o in lattina fino ai kit per produrre in casa finti Barolo e Valpolicella o addirittura Parmigiano Reggiano”. Il rischio è che - continua l'associazione - si affermi in Gran Bretagna “una legislazione sfavorevole alle esportazioni agroalimentari italiane come ad esempio l'etichetta nutrizionale a semaforo sugli alimenti che si sta diffondendo in gran parte dei supermercati inglesi e che boccia ingiustamente gran parte del made in Italy a denominazione di origine (Dop), compresi prodotti simbolo del made in Italy dall'extravergine di oliva al prosciutto di Parma, dal Grana Padano al Parmigiano Reggiano”. 

“A pesare sui rapporti commerciali è anche la minaccia di ostacoli amministrativi alle esportazioni, che scatterebbero con il nuovo status di Paese terzo rispetto all'Unione europea, dopo che le forniture agroalimentari made in Italy stimate nel 2019 sono state pari a circa 3,4 miliardi di euro e classificano la Gran Bretagna al quarto posto tra i partner commerciali del Belpaese nel settore preceduta da Germania, Francia e Stati Uniti”.

Dopo il vino, che complessivamente fattura sul mercato inglese 783 milioni di euro nel 2019 secondo le proiezioni di Coldiretti, spinto dal boom del Prosecco Dop, “al secondo posto tra i prodotti agroalimentari italiani più venduti in Gran Bretagna c'è proprio l'ortofrutta trasformata come i derivati del pomodoro con 329 milioni di euro, ma rilevante - continua la Coldiretti - è anche il ruolo della pasta, dell'olio d'oliva e dei formaggi come Grana Padano e Parmigiano Reggiano”. “In un momento di recessione economica globale il vecchio continente non può permettersi una guerra commerciale ma va percorsa fino in fondo la via del dialogo nell'interesse di cittadini ed imprese”, ha affermato il presidente della Coldiretti Ettore Prandini, nel ricordare che “la Gran Bretagna dipende dall'estero per circa 1/3 del proprio fabbisogno alimentare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pasta al glifosato: ecco i marchi che la contengono (e quelli da non dare ai bimbi)

  • “Diventa un ‘carnitariano’”: bufera sulla campagna pro-carne sostenuta con fondi Ue

  • Sulla riforma della Pac l'Ue chiede l'aiuto di Greta

  • "Il benessere animale fa bene anche agli allevatori e all'ambiente"

  • Un po' agronomi, un po' braccianti: come robot e droni stanno cambiando il lavoro nei campi

  • Macelli addio? Per la prima volta nei piatti arriva la carne creata in laboratorio

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento