Martedì, 27 Luglio 2021
Attualità

Caccia, “basta pressioni politiche sul divieto del piombo”. La Lega attacca la Commissione Ue

Interrogazione sulla richiesta di regolamentazione delle munizioni per l’attività venatoria. Casanova (Lega): "Chiediamo chiarimenti"

Foto: MARCO BUCCO/ANSA

In un’interrogazione alla Commissione europea, gli europarlamentari della Lega accusano l’esecutivo comunitario di “esercitare pressioni” per l’adozione del Regolamento sul bando del piombo nelle munizioni concerterete l’attività venatoria. L’intervento in difesa della caccia arriva dai parlamentari europei Massimo Casanova e Marco Dreosto, che hanno sottoscritto una lettera congiunta sull’argomento.

La polemica sulle munizioni

“Le notizie circa le pressioni esercitate dalla Commissione europea nei confronti dei componenti del comitato tecnico Nadeg in merito al divieto dell'utilizzo del piombo nell'attività venatoria - si legge in una nota di Casanova - non possono lasciarci indifferenti”. “Tramite una richiesta scritta, la Commissione ha chiesto loro di indirizzare i rappresentanti dei propri Paesi membri del comitato Reach al voto positivo del Regolamento sul bando del piombo nelle munizioni”, sostiene l’eurodeputato leghista. 

"Basta pressioni"

“I rappresentanti devono pronunciarsi a giugno”, ricorda Casanova. “Chiediamo chiarimenti in merito a questo comportamento - si legge ancora nella nota  - che sembra palesemente violare il diritto e le procedure standard dell’Ue”. “La Commissione, inoltre, dovrà spiegarci cosa intende fare per riparare a questo cattivo esempio di mala amministrazione”, sottolinea il deputato europeo.

“Nel frattempo - conclude - le staremo col fiato sul collo per ogni questione inerente la caccia, visto che abbiamo ormai capito benissimo da quale parte propendono le decisioni in materia”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caccia, “basta pressioni politiche sul divieto del piombo”. La Lega attacca la Commissione Ue

AgriFoodToday è in caricamento