rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Attualità

La nuova frontiera del contrabbando: quello di anguille

Oltre trecentomila sono state sequestrate all'aeroporto di Amsterdam, conservate in piccole borse d'acqua. Sono una specie protetta, ma il traffico illegale verso l'Asia vale 3 miliardi di euro

Migliaia di piccole anguille stipate in bagagli tutti identici. Questa la scoperta che hanno fatto le autorità olandesi a Schiphol, l'aeroporto di Amsterdam. Non si tratta dell'opera di qualche appassionato di animali, ma un atto di contrabbando a tutti gli effetti. Durante il sequestro, ne sono state trovate circa 300mila, conservate in piccole borse d'acqua, all'interno di otto valigie rosse tutte uguali. È stato questo dettaglio a destare i sospetti della polizia.

Le anguille sono una specie protetta e la loro esportazione è soggetta a regole severe a causa del bracconaggio del mercato nero. Nel 2010, l'Unione europea ha vietato tutte le esportazioni di baby anguille di vetro al di fuori dei suoi confini, ma l'organizzazione Sustainable Eel Group (Seg) stima che ci sia comunque un 23% di questi pesci, presenti sulle coste del continente, che finisce ogni anno per essere trafficato in Asia, principalmente in Cina. Il valore stimato del contrabbando illegale di anguille europee verso l'Asia è di 3 miliardi di euro annuo. Secondo i dati più recenti di Europol, la polizia è stata coinvolta nel rastrellamento di 108 sospetti contrabbandieri di anguille durante la stagione di pesca 2019/2020. Nello stesso periodo, le autorità hanno anche sequestrato due tonnellate di questi pesci ricercati, per un valore stimato di 6,2 milioni di euro.

Come autori del traffico di anguille a Schiphol sono stati identificati due uomini e una donna provenienti dalla Malesia, che le avevano introdotte mentre erano in transito verso il Portogallo. "I bagagli dei sospetti hanno attirato l'attenzione dei dipendenti della sicurezza di Schiphol", ha affermato un portavoce dell'autorità olandese per la sicurezza alimentare e dei prodotti di consumo (Nvwa). "Gli ispettori hanno scoperto che un totale di 105 chili di anguille erano nelle valigie", si legge in una nota. L'autorità ha confermato che i tre passeggeri sono stati arrestati, mentre gli animali sono stati confiscati e rilasciati nelle acque olandesi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La nuova frontiera del contrabbando: quello di anguille

AgriFoodToday è in caricamento