rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Attualità

Mancano autisti dei tir per Brexit e Covid, l'allarme: "In Uk rischio carenza di cibo nei supermercati"

Le associazioni che rappresentano i trasportatori hanno inviato una lettera al governo di Londra, chiedendo visti speciali per spostarsi tra Ue e Regno Unito

Il Regno Unito rischia di trovarsi con carenze di cibo sugli scaffali dei supermercati a causa della mancanza di oltre 100mila camionisti, con il settore dell'autotrasporto che è in difficoltà sia a causa della pandemia, sia della Brexit. In una lettera inviata al primo ministro Boris Johnson, le associazioni di categoria hanno chiesto il suo intervento personale per facilitare i loro spostamenti tra la Gran Bretagna e l'Ue, introducendo la possibilità visti temporanei e aggiungendoli a una "lista di occupazione carente".

Le associazioni hanno avvertito che senza l'aiuto del governo le catene di approvvigionamento della nazione rischiano "una crisi senza precedenti e a un livello inimmaginabile". "I supermercati stanno già segnalando che non stanno ricevendo le scorte di cibo previste e, di conseguenza, c'è un notevole spreco", ha detto Richard Burnett, l'amministratore delegato della Road Haulage Association, il sindacato degli operatori del settore che ha coordinato la lettera. Come riporta Euractiv, lamissiva è stata firmata per altro dagli amministratori delegati di una serie di gruppi logistici, tra cui Eddie Stobart e Wincanton, così come dai capi di gruppi industriali come la Food and Drink Federation, la British Frozen Food Federation, la Cold Chain Federation, la British Beer and Pub Association e la British Meat Producers Association. Burnett ha inoltre detto che l'avvicinarsi delle vacanze estive, i picchi nella domanda di cibo e bevande creati dal clima caldo e dai grandi eventi sportivi, potrebbero esacerbare notevolmente il problema. La lettera ha anche allertato che anche la preparazione delle festività natalizie, che le industrie iniziano in anticipo nei mesi di agosto e /settembre potrebbe essere seriamente colpita.

In risposta alle preoccupazioni un portavoce del governo ha detto è stato organizzato un incontro con i rappresentanti dell'industria per discutere dei problemi lavorativi degli autisti di mezzi pesanti e le possibili modalità per risolvere il problema del reclutamento e del mantenimento. "La maggior parte delle soluzioni saranno probabilmente commerciali e verranno dalla stessa industria, con progressi già fatti in aree chiave come i test e le assunzioni, e una grande attenzione verrà data al miglioramento della paga, delle condizioni di lavoro e della diversità", ha detto il portavoce. "Il nostro nuovo sistema di immigrazione a punti rende chiaro che i datori di lavoro dovrebbero concentrarsi sull'investimento nella nostra forza lavoro nazionale, in particolare quelli che hanno bisogno di trovare un nuovo impiego, piuttosto che fare affidamento sulla manodopera dall'estero".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mancano autisti dei tir per Brexit e Covid, l'allarme: "In Uk rischio carenza di cibo nei supermercati"

AgriFoodToday è in caricamento