"Proteggiamo la terra", l'estrema destra tedesca diventa Green in cerca di consensi

I movimenti ultra-nazionalisti tedeschi stanno tentando di appropriarsi delle battaglie ambientaliste e della protezione degli agricoltori per fare proselitismo seguendo l'esempio di Hitler

In Germania, le associazioni degli agricoltori e i gruppi ambientalisti lamentano sempre di più l’appropriazione indebita delle battaglie per l’ecologia, il consumo di prodotti locali e per il rispetto dei diritti dei lavoratori della campagna, da parte di formazioni politicheche mai hanno sostenuto questo tipo di battaglie. Tra i tanti partiti e collettivi politici che stanno cercando di cavalcare le battaglie ‘verdi’ in un momento di grande popolarità e visibilità per le questioni ambientali ci sono anche gruppi di estrema destra, che starebbero infiltrando il mondo dell’ambientalismo per guadagnarsi nuove simpatie tra i lavoratori delle campagne e tra i giovani. 

L'ecologia di estrema destra

Tra questi tentativi di strumentalizzazione spicca la nuova rivista trimestrale Die Kehre (La svolta), che si proclama una “rivista per la protezione naturale”. Sostiene di ispirarsi al pensiero anti-modernista del filosofo Martin Heidegger e rivendicare i temi ambientali in chiave reazionaria. Nel suo editoriale, la rivista descrive l'ecologia come i “gioielli della corona” della destra “derubati” dal movimentismo verde di sinistra negli anni '70, e consiglia la ridefinizione dei temi tralasciando il cambiamento climatico, ma bensì in chiave patriottica. Diversi articoli avvertono sui pericoli per le specie di uccelli “nativi” e  per le “foreste fiabesche” tedesche, a rischio - si legge - per colpa dei parchi eolici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le battaglie rurali e l'ascesa di Hitler

La strategia dell’estrema destra tedesca per appropriarsi di tematiche quali il consumo di prodotti organici, la difesa della filiera corta a Km 0 e la protezione dell’ambiente sarebbe tutt’altro che campata per aria. Come fa notare la testata britannica The Guardian, gli anni che precedettero il nazismo furono caratterizzati dalle battaglie del movimento agricolo di protesta Landvolkbewegung, che secondo molti storici aveva un’agenda nazionalista e anti-parlamentare che contribuì a preparare il terreno per l’ascesa di Adolf Hitler. Poche settimane fa, nel contesto delle proteste rurali nel nord della Germania, gli agricoltori hanno parcheggiato decine di trattori in piena notte per ricreare - dall’alto - il simbolo del movimento rurale dell’inizio degli anni ’30. Una dimostrazione stigmatizzata dai movimenti ambientalisti locali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Le Alpi si tingono di rosa, un'alga colora la neve ma la fa anche sciogliere prima

  • Anche in Austria i macelli diventano focolai di coronavirus

  • Via libera all'etichetta per tutelare i salumi Made in Italy

  • Più attenti e informati sul cibo: come il coronavirus ha cambiato la spesa degli italiani

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento