"Un'etichetta alimentare anche per i non vedenti", la proposta M5s all'Ue

L'eurodeputata 5 stelle Ferrara presenta un'interrogazione alla Commissione: "Garantire a tutti pieno accesso alle informazioni presenti sulle confezioni dei prodotti"

Se sarà "a semaforo", come propone la Francia, o "a batteria", come chiede l'Italia, saranno le trattative a Bruxelles a stabilirlo. Ma a prescindere dall'esito dei negoziati, su un punto ci dovrebbe essere pieno accordo: tutti i consumatori devono avere pieno accesso alle informazioni presenti nelle etichettature dei prodotti alimentari. Peccato che per i 30 milioni di cittadini Ue non vedenti e ipovedenti non sia ancora cosi'. E' per questa ragione che il Movimento 5 stelle ha presentato una proposta alla Commissione europea affinché introduca l'obbligo dell’uso del "linguaggio Braille e di moderne tecnologie in grado di implementare una etichetta audio-narrante per i prodotti alimentari". 

La proposta è contenuta in una interrogazione inviata all'Esecutivo Ue dall'eurodeputata M5s Laura Ferrara. “In Europa si stima che ci siano oltre trenta milioni di persone non vedenti e ipovedenti che non hanno pieno accesso alle informazioni presenti nelle etichettature dei prodotti - spiega - Queste persone hanno il diritto, come tutti, di scegliere cosa consumare in maniera consapevole e l’Unione europea deve garantire questo diritto”, dice Ferrara.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli strumenti per colmare questo gap ci sono già, secondo l'eurodeputata 5 stelle: “Da tempo sto dialogando con due realtà italiane circa l’importanza di garantire il libero accesso e la fruizione delle informazioni necessarie per un consumo consapevole - spiega - L’Unione italiana dei ciechi ed ipovedenti di Cosenza e il Crea di Rende hanno già una risposta a questa necessità, si tratta di un progetto di inclusione e di superamento delle barriere invisibili che potrebbe coinvolgere tutti gli Stati dell'Unione europea". Il progetto, elaborato in collaborazione con una azienda olivicola, prevede l’uso del linguaggio Braille e di moderne tecnologie in grado di implementare una etichetta audio-narrante per i prodotti alimentari. "Sono strumenti in grado di rendere accessibili determinate informazioni e di contribuire ad una società più inclusiva e rispettosa dei diritti dei non vedenti e degli ipovedenti", conclude Ferrara. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Buone notizie per la frutta italiana: la vespa samurai sta uccidendo la cimice asiatica

  • Birra e patatine a rischio per il clima, il Belgio in allarme

  • Londra vieta i gruppi di più di sei persone, ma non se si va a caccia

  • Vuoi aiutare la natura anche da morto? Ecco la bara di funghi per fertilizzare la terra

  • Il governo polacco collassa sulla legge per vietare gli allevamenti di animali da pelliccia

  • Nuovi casi di peste suina in Germania, Cia: "Evitare contagio in Italia"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento