Lunedì, 20 Settembre 2021
Attualità

Guerra delle salsicce, tregua tra Regno Unito e Ue. Ma a Bruxelles non basta: “Rispettate accordi”

Intesa sul rinvio dell’applicazione dei controlli sugli alimenti nei porti dell’Irlanda del Nord. Lo spettro dello stop agli approvvigionamenti di carne fresca ha dato il nome alla contesa

Siglata la tregua tra Regno Unito e Unione europea nella ‘sausage war’ (guerra delle salsicce). La Commissione e il Governo britannico hanno concordato un’estensione di tre mesi del cosiddetto periodo di grazia per il commercio di carne fresca tra la Gran Bretagna e l’Irlanda del Nord. Il periodo di tolleranza, in scandenza ieri, per i mancati controlli negli scali portuali nordirlandesi su salsicce, bistecche e altri prodotti di origine animale verrà esteso fino al 30 settembre.

L’indiscrezione apparsa ieri mattina su diversi giornali britannici è stata confermata dalla Commissione europea. Nell’accordo sugli scambi e la cooperazione tra Bruxelles e Londra concluso il 24 dicembre dello scorso anno, ha ricordato un funzionario Ue, “abbiamo inserito una certa flessibilità per dare il tempo alle autorità britanniche di attivare i controlli previsti” sulle merci in arrivo dall’isola maggiore verso l’Irlanda del Nord. L’alternativa sarebbe stata la creazione di un confine fisico tra l'Ulster e la Repubblica d’Irlanda, prospettiva che avrebbe messo in pericolo l’Accordo di pace del Venerdì Santo. Ma il Regno Unito “non è ancora pronto ad attivare i controlli” previsti dall’accordo concluso con l’Ue. Di qui l’escalation verso una possibile interruzione degli approvvigionamenti di carne fresca in arrivo dalla Gran Bretagna, scenario che ha ispirato l’espressione 'guerra delle salsicce' per definire la contesa. 

“Non abbiamo raggiunto granché, ma i canali di comunicazione sono sempre aperti e restiamo in contatto con la controparte”, ha ammesso il funzionario Ue a conferma della linea di Bruxelles: il Regno Unito deve applicare l’accordo firmato e ratificato, pacta sunt servanda. “Non siamo ancora soddisfatti”, ha aggiunto la stessa fonte. Le salsicce e gli altri prodotti di carne ‘made in GB’ potranno dunque continuare ad arrivare a Belfast a dintorni, ma a patto che “vengano venduti solo nel mercato dell’Irlanda del Nord”. 

Assieme alla tregua, il funzionario Ue ha annunciato l’ok a “importanti soluzioni a problemi pratici sul commercio di farmaci”. Accordi necessari affinché “le medicine generiche continuino a essere disponibili nell’Irlanda del Nord”. Passi avanti sono stati fatti anche per quanto concerne lo spostamento tra la Gran Bretagna e l’Irlanda del Nord dei cani guida per i ciechi e di altri animali vivi, come quelli da gare sportive e da esibizione. Dettagli tecnici su questioni specifiche che fanno comprendere la complessità della partita sulla Brexit, ancora oggi lontana dal fischio finale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guerra delle salsicce, tregua tra Regno Unito e Ue. Ma a Bruxelles non basta: “Rispettate accordi”

AgriFoodToday è in caricamento