menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nutri-score, la 'strana alleanza' tra multinazionali e consumatori: “Sì all’etichetta a semaforo”

Appello di Nestlé, Danone e una serie di catene di supermercati per chiedere alla Commissione di rendere obbligatorio il sistema di rapida lettura degli ingredienti. Firma anche Altroconsumo. M5s: “Vergognoso attacco al made in Italy”

Multinazionali del cibo e della distribuzione, ma anche europarlamentari, accademici e associazioni di tutela dei consumatori. Una vasta alleanza del mondo produttivo e politico europeo ha sostenuto pubblicamente “l’adozione obbligatoria in tutta l’Ue” del Nutri-Score, cioè l’etichetta a semaforo che offrirebbe, in un colpo d’occhio, il contenuto di ingredienti nocivi per la salute dei consumatori. L’appello indirizzato alla commissaria europea alla Salute, Stella Kyriakides, è subito finito nel mirino dei tanti critici della controversa etichetta. 

L'etichetta

Come spiegato dal ‘padre’ del Nutri-score, il professor Serge Hercberg (anche lui firmatario dell’appello), l’etichetta a semaforo “attribuisce dei punti su una base puramente scientifica”, relativa al contenuto di grassi, grassi saturi, zuccheri e sale, e che - assicura Hercberg - “non fa differenze di trattamento sulla base della nazionalità del prodotto in esame”. Il risultato è una confezione molto facile da comprendere: semaforo rosso per i prodotti che fanno male alla salute, giallo e arancione per quelli da limitare, verde per quelli raccomandati. Un sistema semplice, che si è però scontrato coi capisaldi del mercato alimentare made in Italy, come l’olio d’oliva, numerosi latticini, per non parlare di salumi e creme di nocciola

L'accusa 

“Non ha alcun fondamento scientifico, penalizza i prodotti del made in Italy come l’olio extravergine di oliva, il parmigiano reggiano e molti formaggi genuini nostrani, e incredibilmente ‘premia’ prodotti industriali come quelli Nestlé”, accusa l’europarlamentare Dino Giarrusso del Movimento cinque stelle. Secondo l’esponente pentastellato, il Nutri-score è “fortemente voluto da una potente lobby per ammantare di ‘sano’ i propri prodotti, che può trarre in inganno il consumatore danneggiando la sua salute e la sua libertà di scelta”. “Come mai il ministro dell’Agricoltura Bellanova non scende in campo contro questa ingerenza di Nestlè e non difende il Made in Italy da questi continui attacchi?”, si chiede, infine, il pentastellato. 

I firmatari

Tra i sostenitori del semaforo in etichetta ci sono anche tre colleghe di Giarrusso al Parlamento europeo. Si tratta della socialista croata Biljana Borzan, della liberale Véronique Trillet-Lenoir e di Michèle Rivasi del gruppo dei Verdi. Dalla parte del Nutri-score si schierano anche diverse associazioni a tutela dei consumatori, tra le quali c’è anche l’italiana Altroconsumo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Le donne devono stare in cucina", l'autogol di Burger King

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento