Ue protegge 26 prodotti tipici italiani in Cina. Coldiretti: “Sono solo il 3%”

Nella lista delle 100 indicazioni geografiche europee che saranno tutelate da Pechino le etichette del Belpaese sono le più numerose. Ma le organizzazioni di categoria si dividono. Confagricoltura: “Accordo storico”

Sono diametralmente opposte le reazioni del settore agroalimentare italiano alla lista pubblicata oggi dalla Commissione europea con i 100 prodotti tipici del Vecchio Continente che saranno protetti anche nel mercato cinese. L’Italia, con le sue 26 indicazioni geografiche protette, è il Paese dell’Ue più tutelato nei traffici commerciali con Pechino, che ha annunciato il riconoscimento dei marchi europei di qualità a patto che altrettante indicazioni geografiche cinesi vengano tutelate nel mercato unico europeo. Il mutuo riconoscimento viene valutato negativamente da Coldiretti, insoddisfatta dell’intesa che “protegge appena il 3% dei prodotti italiani a indicazione di origine”. Soddisfatta è invece Confagricoltura che parla di “accordo storico” e “opportunità importante per il made in Italy agroalimentare”. 

La lista

Tra i 26 prodotti italiani tutelati dal partner asiatico ci sono 14 vini (Asti, Barbaresco, Bardolino superiore, Barolo, Brachetto d'Aqui, Brunello di Montalcino, Chiani, Prosecco Conegliano-Valdobbiadene, Dolcetto d'Alba, Franciacorta, Montepulciano d'Abruzzo, Soave, Toscano e Vino nobile di Montepulciano), sette formaggi (Asiago, Gorgonzola, Grana Padano, Mozzarella di Bufala campana, Parmigiano Reggiano, Pecorino Romano, Taleggio), tre salumi (Bresaola della Valtellina, Prosciutto di Parma e San Daniele), più Aceto Balsamico di Modena e Grappa. Fra gli altri marchi tipici europei protetti spiccano per notorietà il Cava spagnolo e lo Champagne francese, la Feta greca e l'Ouzo, il whiskey irlandese e quello scozzese (noto come whisky o scotch), la birra Münchener tedesca, la Wodka polacca, il Porto, e il Queso Manchego.

Le reazioni

“In una fase di crescenti tensioni commerciali, la firma di oggi tra Ue e Cina – commenta il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti - dimostra come gli accordi internazionali, opportunamente ponderati e basati su condizioni di reciprocità, possano essere di interesse e beneficio per entrambe le parti”. Confagricoltura evidenzia inoltre che l’intero settore agroalimentare italiano vale in Cina 440 milioni di euro e che il Belpaese è il quarto fornitore, nonché il quarto cliente della Repubblica Popolare Cinese nell’ambito dei Paesi europei.

“Nella lista sono compresi i prodotti tipici più esportati all’estero - commenta la Coldiretti - ma con importanti esclusioni”. “Il rischio - prosegue la nota dell’organizzazione - è che la mancata protezione di tutti gli altri marchi Made in Italy legittimi la produzione di imitazioni dei prodotti tricolori in un Paese”.

I prodotti cinesi 

Di contro, l’Ue si impegna a tutelare 100 Igp cinesi, tra le quali ci saranno una serie di the (come quelli verdi di Wuyuan e Songxi), l'aglio di Pizhou, lo zenzero e la cipolla di Anqiu, il kiwi rosso di Cangxi, la pera di Jinxhou, il riso di Wuchang, i funghi Xixia e quelli neri di Dongning, l'anatra salata di Nanjing, la patata Wuxi, le bacche Goji di Jinghe e moltissimi altri prodotti poco noti agli occidentali, ma ben conosciuti dalle numerose comunità cinesi del Vecchio Continente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Buone notizie per la frutta italiana: la vespa samurai sta uccidendo la cimice asiatica

  • Birra e patatine a rischio per il clima, il Belgio in allarme

  • Londra vieta i gruppi di più di sei persone, ma non se si va a caccia

  • Vuoi aiutare la natura anche da morto? Ecco la bara di funghi per fertilizzare la terra

  • Il governo polacco collassa sulla legge per vietare gli allevamenti di animali da pelliccia

  • Nuovi casi di peste suina in Germania, Cia: "Evitare contagio in Italia"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento