Il tacchino di Natale dei britannici è salvo, Londra elimina la quarantena per gli stagionali

Migliaia di lavoratori provenienti dall'Europa centrale ogni anno vengono per aiutare nella macellazione e spiumatura degli animali, in assenza di manodopera locale specializzata

Foto archivio Ansa EPA/NIGEL RODDIS

Non è ancora chiaro che a natale nel Regno Unito sarà permesso ai membri delle famiglie di incontrarsi per festeggiare assieme, ma una cosa è sicura: il tacchino non mancherà sulle tavole dei britannici.

Dopo l'allarme lanciato dagli allevatori, che a causa delle restrizioni di viaggi erano a corto di stagionali per la stagione invernale, il governo di Londra ha deciso di sospendere la quarantena per coloro che vengono a lavorare negli impianti di macellazione in questo periodo dell'anno in cui la domanda di manodopera aumenta in preparazione delle vendite di carne per il periodo delle feste natalizie. I lavoratori, provenienti solitamente da Polonia, Romania, Ungheria, Bulgaria, Repubblica ceca, Slovacchia e Slovenia, non sarebbero venuti se fossero stati costretti a stare chiusi in casa per due settimane, come tutti coloro che vengono dall'estero, ma adesso potranno mettersi a lavorare già nel primo giorno di arrivo.

Per evitare qualsiasi potenziale rischio di diffusione del coronavirus, dovranno però formare delle "coorti", ovvero vivere e lavorare con un gruppo degli stessi lavoratori durante il loro soggiorno in Inghilterra, e non gli sarà consentito avere contatti con altri dipendenti. "La cena di Natale è il momento clou dell'anno per molte famiglie e quest'anno sarà particolarmente significativo", ha dichiarato il Segretario di Stato ai Trasporti, Grant Shapps, nell'annunciare la decisione, aggiungendo che le misure sono state pensate per sostenere le aziende che "hanno affrontato sfide senza precedenti a causa del coronavirus".

Secondo il Dipartimento per l'ambiente, l'alimentazione e gli affari rurali, circa 5.500 lavoratori stagionali arrivano ogni anno nelle fattorie in Inghilterra per aiutare durante il periodo festivo. Questo perché il tipo di competenze richieste dalla produzione di tacchini non sono sempre disponibili tra i lavoratori del Regno Unito, in quanto i lavoratori devono essere stati formati in modo specifico sulle regole del 'benessere degli animali al momento dell'uccisione', e avere la licenza per uccidere o macellare animali, il che significa essere in possesso di un certificato di competenza della Food Standards Agency.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I prodotti integrali riducono fino a un quarto il rischio di mortalità

  • "Salvate gli squali dallo sterminio per produrre i vaccini per il Covid-19 e l'influenza"

  • L'innovazione agricola al servizio di clima e ambiente: da Bruxelles arrivano i fondi Life

  • Il 'Messi' dei piccioni viaggiatori venduto per la cifra record di 1,6 milioni di euro

  • Corte Ue sancisce la "libera circolazione" del cannabidiolo

  • Altro che vegani: in Ue la produzione da allevamenti cresce più del resto dell'agricoltura

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento