menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Ue si vendica di Trump tassando ketchup, noccioline e ruspe

Resa nota la lista dei prodotti Usa su cui scatteranno i dazi di Bruxelles dal valore di 4 miliardi di dollari. Preoccupate le organizzazioni agricole italiane, che temono ritorsioni sul vino esportato negli States: "Fermare escalation"

Ketchup, formaggio cheddar, noccioline, cotone e patate americane insieme a video giochi, trattori e ruspe: sono questi alcuni dei prodotti made in Usa che verranno colpiti dai dazi stabiliti dai ministri del Commercio dell'Unione europea. I dazi, dal valore di 4 miliardi, sono frutto del via libera ottenuto dall'Ue in sede Wto, l'organizzazione internazionale del commercio, chiamata a dirimere il braccio di ferro tra le due sponde dell'Atlantico legato alla disputa tra i colossi dell'areonautica Boeing (Usa) e Airbus (Francia-Germania). 

Dopo l'ok ai dazi Usa sui prodotti Ue, è arrivato quello alle tariffe europee. I ministri europei hanno deciso quali prodotti "punire": quelli agricoli, dal ketchup alle noccioline passando per i liquori, avranno i dazi più alti (25%), mentre per gli aerei della Boeing si delinea una tariffa del 15%. Fonti Ue sentite dall'agenzia Agi, calcolano un introito dai sazi doganali sui modelli Boeing pari a 1,8 miliardi di dollari (il 44% del valore totale dei nuovi dazi), mentre dai beni industriali arriveranno circa 1,14 miliardi di dollari (28%). I prodotti agricoli made in Usa saranno maggiorati per un totale di circa 722 milioni di dollari (18%) e il resto (364 milioni di dollari, pari al 9% dei dazi introdotti) graverà sui beni agricoli processati. A quanto si apprende, al di fuori delle categorie di aeromobili, gli articoli più grandi per valore sottoposto a dazio includono ruspe e pale caricatrici semoventi, tabacco, alcolici, e trattori.

I dazi preoccupano però i big dell'agroalimentare italiano, che temono contraccolpi per i prodotti made in Italy esportati negli Usa, il principale mercato extra-Ue per i nostri vini e formaggi. "Occorre fermare subito la guerra dei dazi - dice Coldiretti - Questa guerra ha già colpito le esportazioni di cibo e bevande made in Italy per un valore di circa mezzo miliardo di euro su prodotti come Grana padano, Gorgonzola, Asiago, Fontina, Provolone ma anche salami, mortadelle, crostacei, molluschi agrumi, succhi e liquori come amari e limoncello". L'elezione di Joe Biden apre nuove prospettive, prosegue Coldiretti, "che l'Unione europea deve essere in grado di cogliere per avviare un dialogo costruttivo ed evitare uno scontro dagli scenari inediti e preoccupanti che rischia di determinare un pericoloso effetto valanga sull'economia e sulle relazioni tra Paesi alleati in un momento drammatico per gli effetti della pandemia", conclude.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento