Agrumi, l'Ue prolunga le misure contro la “macchia nera”

Maggiori controlli per i prodotti importati da Argentina, Brasile, Sudafrica e Uruguay

I Paesi membri dell'Ue hanno approvato la proposta della Commissione Europea di mantenere e prolungare le misure di emergenza contro il fungo portatore della malattia nota come "macchia nera" degli agrumi. Le misure, che hanno lo scopo di impedire l'arrivo della malattia in Europa, confermano i controlli eccezionali e i requisiti specifici di coltivazione per i prodotti importati da Argentina, Brasile, Sudafrica e Uruguay, e le rafforzano per il Brasile. Nel 2018 sono infatti aumentate le segnalazioni dal paese Verdeoro, mentre sono diminuite drasticamente dall'Uruguay e dal Sudafrica.

L'Efsa, l'Autorità europea per la sicurezza alimentare, ha confermato da poco che non c'è alcun allarme degli agrumi in Italia e in Ue ma Bruxelles è convinta che non bisogni abbassare la guardia sull'import dai Paesi Terzi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli olandesi non fanno sconti sulla Brexit, ai britannici in ingresso sequestrati anche i panini

  • Via libera Ue al consumo di vermi della farina, è il primo insetto approvato

  • Combattere l'obesità con il wireless. Una segnale speciale riduce l'appetito

  • Bufera sulla sottosegretaria alla Pesca britannica: "Non ho letto l'accordo Brexit, facevo il presepe"

  • Non si ferma l'invasione delle locuste, in Africa adesso a rischio ben sette Paesi

  • Al via il progetto di 'rigenerazione sostenibile' delle zone della Puglia colpite dalla Xylella

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento