Dopo 40 anni, tornano le arachidi 100% italiane

A commercializzarle sarà la Sis: "E' solo l'inizio del recupero di diverse varietà che rischiavano di andare perdute"

Da più di 40 anni erano scomparse dai campi italiani, salvo sporadici casi di agricoltori che le coltivavano per il consumo famigliare. Adesso, pero', sarà possibile acquistarle anche al supermercato. La Sis, Società italiana sementi, ha infatti annunciato la commercializzazione delle arachidi 100% italiane.

Le noccioline americane di nome, ma tricolori d'origine, entreranno in produzione a partire dall'anno prossimo: "E' solo l'inizio di un processo di recupero di diverse varietà di arachidi - ha commentato Mauro Tonello, presidente di Sis - che stiamo mettendo in campo per il recupero di sapori che rischiano di andare perduti".

"Un ritorno importante quello delle arachidi - sottolinea Nicola Bertinelli, presidente di Coldiretti Emilia Romagna - sia perché aumentano i prodotti della filiera tutta italiana, sia per i consumatori che potranno scegliere un prodotto certificato e salubre, a differenza delle arachidi provenienti da Cina ed Egitto che Coldiretti ha già incluso nella black list dei cibi più pericolosi a causa della presenza di aflatossine".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'hamburger vegano della Nestlè non potrà più essere "Incredible"

  • La catena di fast food più diffusa al mondo? Non è McDonald's

  • La pandemia stimola l'agricoltura 4.0: robot e droni per sostituire i braccianti

  • Fondi Ue, ecco perché ora la Commissione vuole investire di più in sviluppo rurale

  • Migranti, al via le regolarizzazioni: “Ma non basteranno, servono altri 150mila braccianti dall'Est Europa”

  • Modifiche genetiche, “fateci usare le biotecnologie”. L’appello degli agricoltori britannici

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento