Brexit: senza accordo rischio 9 miliardi di sterline di dazi sull'import alimentare

Circa un terzo dei prodotti che si consumano nel Paese è di provenienza europea

Sarà caro il prezzo che pagheranno i consumatori britannici in caso di un mancato accordo sulla Brexit. Secondo i calcoli il costo dei dazi sulle importazioni alimentari dalla Ue potrebbe ammontare a 9 miliardi di sterline (circa 10,3 miliardi di euro), facendo salire alle stelle i prezzi della carne, del formaggio, dei pomodori e di altri prodotti. Per questo, a poco più di un mese dalla fatidica data del 29 marzo, il governo sta correndo ai ripari per mitigare gli effetti del 'no deal'.

Il rapporto con la Ue è fondamentale per i prezzi dei prodotti alimentari nel Regno Unito. Circa un terzo dei prodotti alimentari che si consumano nel Paese è di provenienza europea e in questo periodo dell'anno, con molte produzioni agricole britanniche fuori stagione, il 90% della lattuga, l'80% dei pomodori e il 79% della frutta provengono dalla Ue o attraverso la Ue.

"I dazi su bevande e alimentari saranno i più alti rispetto a quelli di qualsiasi altra filiera", sottolinea al Guardian Richard Lim, amministratore delegato dell'azienda di consulenza Retail Economics. "Tutti i passaggi della filiera alimentare sosterranno costi maggiorati, mentre la distribuzione subirà il contraccolpo maggiore, poiché le merci processate subiscono dazi maggiori rispetto ai materiali grezzi o alle merci semi processate". Nel 2017 il Regno Unito ha acquistato circa 34 miliardi di sterline di generi alimentari dalla Ue, senza che questi venissero gravati da dazi o altri costi di importazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma se la Gran Bretagna lascerà la Ue senza un accordo, ad entrambi si applicheranno le regole previste dal Wto per il regime di 'most favoured nation'. Tradotto, sia il Regno Unito che i Paesi Ue dovranno applicare dazi sulle reciproche importazioni. Secondo l'analisi di Retail Economics, in base ai dati dell'import del 2017, il 'no deal' si tradurrebbe per il Regno Unito in 9,3 miliardi di sterline di dazi sulle importazioni di prodotti alimentari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Buone notizie per la frutta italiana: la vespa samurai sta uccidendo la cimice asiatica

  • Birra e patatine a rischio per il clima, il Belgio in allarme

  • Scoperto enzima che "pulisce" la carne. Riducendo gli sprechi alimentari

  • Vuoi aiutare la natura anche da morto? Ecco la bara di funghi per fertilizzare la terra

  • L'Italia e altri sei Paesi Ue fanno blocco contro il Nutriscore

  • Il governo polacco collassa sulla legge per vietare gli allevamenti di animali da pelliccia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento