"Senza accordo su Brexit a rischio 3,3 miliardi di export made in Italy"

L'allarme della Coldiretti dopo le ultime tensioni tra Londra e Bruxelles sull'uscita del Regno Unito dall'Ue

Un mancato accordo tra Unione europea e Regno Unito sulle modalità di uscita di Londra dall’Ue e le future relazioni rischia minaccia 3,3 miliardi di euro di esportazioni agroalimentari Made in Italy in Gran Bretagna realizzati nel 2017. A lanciare l’allarme è Coldiretti, in un’analisi condotta dopo la recente crisi del governo britannico. Le dimissioni dei ministri degli Esteri e per la Brexit, Boris Johnson e David Davis, hanno messo in luce le difficoltà dell’esecutivo di Sua Maestà nella gestione dell’uscita dall’Ue.

C’è tempo fino a ottobre per trovare un accordo così da permettere la Brexit a marzo 2019 e dare tempo ai Parlamenti nazionali di ratificare l’intesa, ma allo stato attuale lo scenario di un non accordo sembra divenire sempre più realistico. “Un’eventualità drammatica per i sudditi della Regina – sottolinea Coldiretti – ma anche per le imprese italiane particolarmente attive su un mercato molto importante per il cibo e le bevande nostrane”. La voce più importante della tavola nelle esportazioni tricolori, ricorda l’associazione, è rappresentata dal vino, con un valore di 810 milioni di euro di esportazioni nel 2017.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al secondo posto tra i prodotti agroalimentari italiani più venduti oltre Manica c’è la pasta, ma “rilevante” è anche il ruolo dell’ortofrutta, dei formaggi e dell’olio d’oliva. Coldiretti si dice inoltre “preoccupata” per l’eventualità che con l’uscita dall’Unione europea si affermi in Gran Bretagna una legislazione sfavorevole all’export agroalimentare italiano, “come l’etichetta nutrizionale a semaforo sugli alimenti che si sta diffondendo in gran parte dei supermercati inglesi e che boccia ingiustamente quasi l’85% del Made in Italy a denominazione di origine (Dop)”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La misteriosa malattia che sta uccidendo i kiwi italiani

  • È mandorle mania, da 5 anni in Europa l'ingrediente più usato nei nuovi prodotti alimentari

  • Birra e patatine a rischio per il clima, il Belgio in allarme

  • Londra vieta i gruppi di più di sei persone, ma non se si va a caccia

  • "Carne contaminata venduta sul mercato", l'allarme degli ispettori sanitari europei

  • La cannabis no, i grilli sì: il rischio Ue per i cibi alla canapa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento