Etichettatura carne, M5s: serve sistema che garantisca trasparenza e benessere animale

Interrogazione dell'eurodeputata Evi: I consumatori devono avere le informazioni necessarie per scegliere prodotti che sono stati realizzati rispettando standard elevati

L'Unione europea deve introdurre un sistema di etichettatura per carne e derivati comune che “garantisca trasparenza e una maggiore tutela del benessere degli animali”. Lo chiede una interrogazione alla Commissione europea presentata da Eleonora Evi, europarlamentare del Movimento 5 Stelle.

“I consumatori europei devono essere in grado di capire, leggendo l’etichetta, se l’animale è stato allevato in allevamenti intensivi od estensivi o, per esempio, se il trasporto dell’animale verso il macello è durato meno o più di 8 ore o, ancora, se sono stati somministrati antibiotici”, spiega Evi.  

“Un’etichettatura di questo tipo permetterebbe ai consumatori di scegliere prodotti che sono stati realizzati rispettando elevati standard di benessere animale, accettando anche di pagare un prezzo più elevato per gli stessi. Si creerebbe così un effetto di "corsa al rialzo" che andrebbe a premiare gli allevatori più virtuosi”, conclude l'eurodeputata 5 Stelle.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pasta al glifosato: ecco i marchi che la contengono (e quelli da non dare ai bimbi)

  • “Un anno dopo l’incidente dove morirono migliaia di pecore la Romania continua a violare le regole Ue”

  • “Diventa un ‘carnitariano’”: bufera sulla campagna pro-carne sostenuta con fondi Ue

  • "La metà dei campi agricoli Ue in mano al 3% delle aziende"

  • Sulla riforma della Pac l'Ue chiede l'aiuto di Greta

  • 'Guerra delle salsicce' tra Ue e Uk, le carni trattate rischiano l'esclusione dal commercio post-Brexit

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento