menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
ANSA/TONINO DI MARCO

ANSA/TONINO DI MARCO

Pac, i coltivatori diretti: più soldi alle piccole aziende e stop ai super-contributi europei oltre i 60mila euro

L’organizzazione Via Campesina traccia le sue linee guida per il futuro della Politica agricola comune. Richiesto intervento per garantire prezzi giusti e salari dignitosi

Continua il dibattito sulla riforma della Politica agricola comune (PAC) che oggi rappresenta oltre un terzo del bilancio totale dell’Unione europea. L’unico punto certo è che la coperta sarà più corta ( https://europa.today.it/attualita/futuro-bilancio-ue-bruxelles-conferma-con-brexit-tagli-ad-agricoltura-e-regioni.html ), con un taglio che ridurrà l’utilizzo di fondi europei in agricoltura dal 37,8% delle spese Ue per il periodo 2014-2020 a un probabile 28,5% per il dopo-2020. Gestire meglio le risorse per non danneggiare le piccole aziende diventa dunque la priorità per le organizzazioni, come l'organizzazione internazionale Via Campesina, che rappresentano i coltivatori diretti.

Le proposte

Via Campesina ha presentato la sua proposta per la PAC 2021-2027 chiedendo una serie di modifiche alla bozza della Commissione europea presentata tre mesi fa, volte a tutelare meglio i produttori dai meccanismi della grande distribuzione che spesso comportano prezzi d’acquisto insostenibili per gli agricoltori. Le richieste sono volte a bilanciare meglio il mercato agroalimentare per garantire tariffe che rispettino i costi di produzione e a porre dei vincoli di rispetto ambientale e di condizioni lavorative per le aziende che ricevono contributi dalla Ue.

Contributi massimi 

Un’importante sforbiciata sarebbe necessaria, secondo Via Campesina, per tutti i contributi che vanno a finire nelle tasche delle grandi aziende. Con la proposta della Commissione, i pagamenti diretti verranno limitati a un massimo di 100mila euro. Nella proposta dell’organizzazione, il tetto massimo scenderebbe a 60mila euro, dando un carattere maggiormente redistributivo ai pagamenti diretti della PAC.  “Questo nuovo modello agricolo deve essere sostenibile, capace di promuovere l’economia rurale e di assicurare salari dignitosi per i coltivatori” precisa la nota dell’organizzazione, che nei prossimi mesi promuoverà le sue proposte tra i vari gruppi parlamentari europei, sperando di influenzare la riforma della PAC. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L’export agroalimentare italiano sempre più sostenibile

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento