La pandemia ha causato un crack da 2 miliardi all'industria dell'olio Made in Italy

La Coldiretti chiede un piano di investimenti pubblici e privati per sostenere le esportazioni e il settore in generale

Foto archivo Ansa EPA/ALI ALI

L'emergenza coronavirus ha causato un crack da 2 miliardi di euro all'olio d'oliva Made in Italy a causa della riduzione delle vendite dovuta alla chiusura forzata di bar, ristoranti e agriturismi, ancora alle prese con una difficile ripartenza, degli ostacoli alle esportazioni e dell'azzeramento delle presenze turistiche.

Impatto devastante

È quanto emerge da un'analisi della Coldiretti diffusa in occasione dell'assemblea di Unaprol, la principale organizzazione di aziende olivicole. A pesare sul comparto è stato soprattutto il blocco del canale della ristorazione, che rappresenta uno sbocco importante per l'olio sia in patria che all'estero. Un impatto devastante a livello economico, occupazionale e ambientale per una filiera che conta oltre 400 mila aziende agricole specializzate in Italia ma anche il maggior numero di oli extravergine a denominazione in Europa (43 Dop e 4 Igp), con un patrimonio di 250 milioni di piante e 533 varietà di olive, il più vasto tesoro di biodiversità del mondo", spiega la Coldiretti in una nota.

Crollo dei prezzi

Per l'organizzazione a incidere sulle imprese olivicole italiane è anche il crollo del 44% dei prezzi pagati ai produttori, scesi a valori minimi che non si registravano dal 2014. Un trend causato, accusa Coldiretti “dalla presenza sul mercato mondiale di abbondanti scorte di olio 'vecchio' spagnolo, spesso pronto a essere spacciato come italiano a causa della mancanza di trasparenza sul prodotto in commercio, nonostante sia obbligatorio indicare l'origine per legge in etichetta dal primo luglio 2009, in base al Regolamento comunitario del 6 marzo 2009". Sulle bottiglie di extravergine ottenute da olive straniere in vendita nei supermercati “è quasi impossibile, nella stragrande maggioranza dei casi, leggere le scritte 'miscele di oli di oliva comunitari', 'miscele di oli di oliva non comunitari' o 'miscele di oli di oliva comunitari e non comunitari' obbligatorie per legge nelle etichette”, rileva la Coldiretti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Investimenti

Per il presidente Ettore Prandini serve “sostenere con massicci investimenti pubblici e privati la ripresa delle esportazioni con un piano straordinario di comunicazione sull'olio che rappresenta da sempre all'estero un prodotto simbolo della dieta mediterranea”, una "esigenza tanto più pressante se si considera che sulle esportazioni di olio italiano rischiano anche di abbattersi i dazi annunciati dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump nell'ambito della disputa con l'Ue sul settore aeronautico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bellanova: Giusto che il bonus ristorazione vada solo a chi acquista Made in Italy

  • Dopo 400 anni dall'estinzione nel Regno Unito torneranno i castori

  • Industria dello champagne in ginocchio: "Crisi peggio della Grande Depressione"

  • Controlli sul falso miele, in oltre l'8% dei casi trovati prodotti contraffatti

  • Con Xylella e afa il Salento brucia: da metà giugno 1.400 incendi

  • Latte vaccino A2 toccasana per la dieta degli anziani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento