Covid-19 'colpisce' anche uova e colombe pasquali, crollo dei ricavi delle aziende dolciarie

Confartigianato chiede di consentire la riapertura delle pasticcerie almeno per la vendita da asporto: “Assurda discriminazione rispetto ai negozi e alla grande distribuzione”

Foto Ansa Franco Silvi

Tra i tanti settori messi in ginocchio dalla pandemia di coronavirus c'è anche quello delle aziende produttrici di dolci, soprattutto le piccole, e in particolare quelle specializzate in dolci da 'ricorrenza' in vista della Pasqua.

Crollano gli ordini

Rallentano infatti gli ordini di uova di cioccolato, colombe e pastiere e si teme un crollo dei ricavi del -30, -40% in un settore che ha un giro d'affari che di norma sfiora i 435 milioni di euro e tiene in piedi oltre 40 aziende. Con la Pasqua alle porte, le decine di Pmi che incentrano la propria produzione esclusivamente su uova al cioccolato e lievitati da ricorrenza si trovano a dover affrontare dunque un momento molto difficile. Da una parte il mercato stenta a decollare e dall'altra la chiusura dei bar e delle pasticcerie e i problemi riguardanti gli spazi di vendita frenano gli ordini in vista delle festività. E il settore comincia a temere che l'invenduto metta a rischio la vita stessa delle aziende. A lanciare l'allarme è stata l'Unione Italiana Food - l'associazione che rappresenta le principali aziende dolciarie italiane. "Se tradizionalmente uova e colombe venivano acquistate come dono da portare ad amici e parenti”, spiega il direttore generale Mario Piccialuti, “nei giorni dei pranzi e degli inviti di Pasqua, quest'anno il nostro auspicio è che le persone li acquistino per sé e per il proprio nucleo familiare”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La chiusura delle pasticcerie

Da parte sua Confartigianato è insorta contro un'interpretazione governativa del Dpcm 11 marzo 2020 in materia di contenimento dell'emergenza Covid-19 in base alla quale le imprese artigiane di pasticceria, obbligate alla chiusura, non possono vendere i loro prodotti nemmeno attraverso la modalità di asporto che è consentita invece ad altre attività. Secondo Confartigianato, ''lo stop alla produzione e vendita delle pasticcerie rappresenta una assurda discriminazione rispetto ai negozi e alla grande distribuzione ai quali è invece permessa la commercializzazione di prodotti dolciari''. Confartigianato ha stimato che ''alle 24mila imprese di pasticceria e gelateria, il 70% delle quali artigiane, con 74mila addetti, la chiusura ad aprile provoca perdite per 652 milioni di euro, tra mancato fatturato e perdite legate ad deperimento delle materie prime acquistate precedentemente alla sospensione forzata''.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La catena di fast food più diffusa al mondo? Non è McDonald's

  • L'hamburger vegano della Nestlè non potrà più essere "Incredible"

  • La pandemia stimola l'agricoltura 4.0: robot e droni per sostituire i braccianti

  • Fondi Ue, ecco perché ora la Commissione vuole investire di più in sviluppo rurale

  • Migranti, al via le regolarizzazioni: “Ma non basteranno, servono altri 150mila braccianti dall'Est Europa”

  • Modifiche genetiche, “fateci usare le biotecnologie”. L’appello degli agricoltori britannici

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento