Grazie a Trump, negli Usa trionfa il falso made in Italy

Lo denuncia la Coldiretti: i dazi che il presidente statunitense vuole imporre sulle importazioni dall'Ue colpiranno la metà dei prodotti agroalimentari di casa nostra. A vantaggio di fake come il Pecordino di mucca del Wisconsin

I falsi del vino esposti a Verona da Coldiretti

Ci sono il Pecorino di mucca del Wisconsin e il San Marzano della California. Ma anche l'olio Pompeian e le imitazioni di San Daniele e Gorgonzola. E' lunghissima la lista dei prodotti agroalimentari che, seppur realizzati negli Usa, richiamano al made in Italy e che, denuncia la Coldiretti, avranno un enorme vantaggio competitivo nel momento in cui scatteranno i dazi decisi dal presidente Donald Trump. 

Nel mirino del capo della Casa Bianca, infatti, "è finita circa la metà degli alimentari e delle bevande made in Italy esportate in Usa dove nel 2018 si è registrato il record per un valore di 4,2 miliardi", spiega la Coldiretti. Nella lista ci sono "vini tra i quali il Prosecco ed il Marsala, formaggi come il pecorino, ma anche l’olio di oliva, gli agrumi, l’uva, le marmellate, i succhi di frutta, l’acqua e i superalcolici tra gli alimentari e le bevande colpite". Tutti prodotti il cui prezzo, con i dazi, aumenterà a tutto vantaggio delle "falsificazioni ottenute sul territorio statunitense e quelle provenienti da Paesi non colpiti dalle misure di Trump. Basti pensare - continua Coldiretti - che il 99% dei formaggi di tipo italiano in Usa sono in realtà realizzati in Wisconsin, California e New York, dal Parmesan al Romano senza latte di pecora, dall’Asiago al Gorgonzola fino al Fontiago, un improbabile mix tra Asiago e Fontina.  Ma il problema riguarda tutte le categorie merceologiche come l’olio Pompeian made in Usa, i salumi più prestigiosi, dalle imitazioni del Parma e del San Daniele alla mortadella Bologna o al salame Milano, senza dimenticare i pomodori, come il San Marzano che viene prodotto in California e venduto in tutti gli Stati Uniti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Senza dimenticare i vini: dal Bordolino argentino nella versione bianco e rosso con tanto di bandiera tricolore al Kressecco, ma ci sono anche il Barbera bianco e il Chianti fatto in California, il Marsala sudamericano e quello statunitense. E questo a fronte del fatto che il prodotto nazionale più esportato in Usa è il vino con un valore di 1,5 miliardi, con un aumento record del 4% nel 2018".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'hamburger vegano della Nestlè non potrà più essere "Incredible"

  • "Sfruttamento dei lavoratori e sostanze inquinanti nelle coltivazioni di ananas 'etici e sostenibili'"

  • Migranti, al via le regolarizzazioni: “Ma non basteranno, servono altri 150mila braccianti dall'Est Europa”

  • Start-up agricole, Usa e India ancora leader. Europa costretta a inseguire

  • Modifiche genetiche, “fateci usare le biotecnologie”. L’appello degli agricoltori britannici

  • "Allevamenti intensivi, vulnerabili alle pandemie e colpevoli di crearle"

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento