rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Filiera

Oli di eccellenza: ecco i migliori extravergine italiani e internazionali

Il Sud domina con tre riconoscimenti nelle categorie principali. Tra le grandi aziende compare solo Monini. La guida Lodo racconta le storie di tutti i vincitori

Tanto Sud tra i premiati di quest'anno dell'Orciolo d'oro, il trentennale premio dedicato alle eccellenze, italiane e straniere, del mondo dell'extravergine d'oliva. Tutte le azienda segnalate vantano un unicum all'interno del panorama internazionale. Il titolo di Azienda dell'anno è stato assegnato all'azienda agricola Mandranova, una realtà siciliana che opera nella zona di Agrigento. Il Frantoio dell'anno spetta invece al campano Frantoio Marsicani. Radicato in provincia di Salerno, viene considerato ormai “un punto di riferimento per aziende olivicole di eccellenza”. Sempre dalla Sicilia, dal catanese per la precisione, arriva Vincenzo Signorello, premiato come miglior olivicoltore per aver creato una nuova realtà aziendale che si contraddistingue per produzione di alta qualità. Tutti i vincitori sono presentati nella guida Lodo, dove vengono raccontati i protagonisti del mondo dell'olio, anche con i ritratti del fotografo Gianmarco Chieregato. "Non è un elenco asettico, ma il racconto di incontri con i migliori produttori di olio extravergine di oliva del mondo”, racconta Manuela Vigo, responsabile del premio, che aggiunge “Abbiamo voluto raccogliere le loro storie, la loro passione, ma anche i loro sacrifici che ogni giorno fanno per regalarci oli semplicemente straordinari". La Vigo ha raccolto il testimone della madre, Marta Cartoceti, che ha inventato il premio e la guida, facendone dei punti di riferimento internazionali per il mondo dell'extravergine.

Tra i marchi di grande diffusione, l'umbra Monini viene citata come “una delle poche grandi aziende che produce vera qualità”, ottenendo un riconoscimento per l'olio biologico Monocultivar Coratina. Il Lodo quest'anno presta attenzione anche alle questioni di genere, assegnando il Pink Planet Award, un riconoscimento speciale destinato ad un'azienda tutta al femminile. Il premio è andato a Gabrielloni Elisabetta e Gabriella snc, un'azienda che ha sede a Macerata, nelle Marche, “per aver dimostrato di portare avanti un lavoro con coraggio e tenacia in un ambiente imprenditoriale non sempre favorevole”. A meritare il “coup de coeur” per il 2022 è stata l'azienda agraria Decimi, di Perugia, che ha colpito per “l'autentica artigianalità” che contraddistingue le sue produzioni.

Tra i 49 riconoscimenti assegnati, ce n'è anche uno dedicato al design, che quest'anno è spettato alla greca Pamako Monovarietal Tsounati Organic. Per i giurati, “grazie alla loro bottiglia, all'etichetta e al packaging è riuscita a rappresentare uno stile”. Tra le menzioni speciali spicca l'Olio Schinosa La Coratina, di Trani in Puglia, scelto dal noto chef Mauro Uliassi per il suo ristorante tre stelle Michelin a Senigallia. Non solo Italia nella classifica. Anche aziende di Spagna, Grecia e Cile hanno meritato dei riconoscimenti, nelle categorie per gli oli fruttati, Dop e Igp.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oli di eccellenza: ecco i migliori extravergine italiani e internazionali

AgriFoodToday è in caricamento