menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I prodotto Igp possono non segnalare la provenienza della carne, Confagricoltura: "Un paradosso"

Dovrà essere inserita in tutte le etichette dei prodotti trasformati ma per le Indicazioni geografiche protette è prevista una deroga. L'associazione: “Così si crea confusione nei consumatori”

È terminato il periodo transitorio che permetteva l'utilizzo di etichette e imballaggi senza l'indicazione dell'origine della carne suina nei prodotti trasformati. La deroga, che era stata concessa fino al 31 gennaio, è invece ancora valida per i prodotti Igp.

Lo ricorda Confagricoltura in una nota, nella quale spiega come questo significhi "che i prodotti trasformati a base di carne suina a Indicazione Geografica Protetta possono continuare a non avere in etichetta l'origine della materia prima”. Per l'associazione si tratta di un “paradosso che crea confusione nei consumatori e che va contro la chiarezza auspicata anche dalla normativa comunitaria". Per questo Confagricoltura "invita tutti gli operatori della filiera, al di là degli obblighi previsti, a indicare l'origine delle materie prime sui prodotti trasformati, valorizzando così le carni nazionali e tutelando gli interessi sia dei produttori nostrani, sia dei consumatori, che chiedono sempre maggiore chiarezza nelle informazioni relative al cibo che comprano”.

La trasparenza della comunicazione, sostiene l'associazione “dà a chi acquista una maggiore consapevolezza e lo aiuta nella scelta del prodotto”, e questo “rientra in un percorso teso a una corretta alimentazione, basata sulla conoscenza dell'origine delle produzioni e sulle loro caratteristiche organolettiche". A tale proposito, Confagricoltura, continua la nota “ritiene completamente sbagliata e fuori luogo la proposta della Ue relativa al 'piano di azione per migliorare la salute dei cittadini europei' che prevederebbe di indicare in etichetta l'associazione tra i prodotti trasformati di carne e le cause di insorgenza di patologie tumorali. Si tratta di un ennesimo e intollerabile attacco al Made in Italy, ai suoi prodotti di alta qualità e alla dieta mediterranea, patrimonio dell'Unesco, che numerosi studi associano semmai a una riduzione della mortalità per tutte le cause".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento