Listeriosi, allerta in Spagna. Confagricoltura “La carne italiana è controllata”

Allarme internazionale di Madrid per i 150 casi di contagio accertati in Andalusia. Ma il comparto suinicolo rassicura i consumatori del Belpaese su “un altissimo livello di sicurezza alimentare e salubrità”

Nonostante l’allarme internazionale diffuso dalle autorità spagnole in merito all’epidemia di listeriosi, i rappresentanti italiani del comparto suinicolo rassicurano sui “controlli rigorosi” che mettono al riparo la carne made in Italy dal pericolo contagio. È quanto viene ribadito in una nota di Confagricoltura che, in merito all’epidemia che ha colpito l’Andalusia, ha voluto precisare che si tratta di “un fenomeno ad oggi circoscritto alla Spagna e che è già stata individuata la causa nella contaminazione dal batterio di alcuni lotti di carne di maiale macinata messa in commercio da un’azienda di Siviglia”.

L'epidemia

Claudio Canali, presidente della Federazione Nazionale di Prodotto Suini di Confagricoltura, spera quindi di fare chiarezza sull’epidemia che desta timore tra i consumatori. Dopo il contagio accertato di circa 150 persone e un decesso, le autorità iberiche avevano infatti lanciato l’allarme sulla possibile avanzata della malattia. L’unica vittima, per il momento, è una donna di novant’anni, ma almeno altre 50 persone hanno finora avuto bisogno del ricovero ospedaliero.

Le cause

L’infezione è causata dal batterio Listeria monocytogenes e generalmente avviene in seguito all'ingestione di cibo contaminato. È pertanto classificata fra le malattie trasmesse attraverso gli alimenti. “L'attuale focolaio riguarda al momento solo la Spagna, ma considerata l'efficienza degli attuali sistemi di controllo e la presenza di turisti nell'area interessata, l'allerta mondiale può considerarsi una procedura dovuta”, ha detto ai microfoni dell’agenzia Agi il dottor Marco Silano, direttore dell'Unità operativa Alimentazione, Nutrizione e Salute dell'Istituto superiore di sanità (Iss).

“Nel nostro paese registriamo ogni anno all'incirca 50 casi di infezione - precisa Silano - e il numero di casi cresce specialmente in estate, in quanto il caldo rappresenta un fattore di rischio”.

I controlli sulla carne

Sui possibili rischi legati al consumo di suini italiani interviene Giovanna Parmigiani, imprenditrice del comparto. “In Italia la carne è controllata dalle autorità competenti - sottolinea la Parmigiani - che garantiscono un altissimo livello di sicurezza alimentare e salubrità”. Confagricoltura conclude la nota sul tema rassicurando i consumatori e invitandoli “a prediligere, laddove possibile, i prodotti di origine italiana (indicata in etichetta)”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Olio, la Spagna accusa l'Italia: "Prezzi troppo alti". E chiede intervento Ue

  • "No a tagli ai fondi Ue per l'agricoltura", 14 Regioni lanciano manifesto sulla Pac

  • "La pesca 'cancellata' dalla Commissione Ue", la Lega contro von der Leyen

  • "La 'carne' vegetariana è troppo salata, si rischia l'ipertensione"

  • Pane e cereali, in Italia costano il 18% in più della media Ue

  • Xylella, la Liguria ora teme il contagio dalla Francia

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento