Made in, 100 imprenditori italiani chiedono una legge Ue

Al via la campagna #IoStoColMadeInItaly, promossa da varie organizzazioni dell'agroalimentare, ma anche di altri settori come quello della moda

Una legge Ue per tutelare il made in. E' quella che chiedono i 100 imprenditori italiani, dal settore agroalimentare a quello della moda, che oggi alla Camera hanno lanciato la campagna #IoStoColMadeInItaly. 

"E' un percorso che inizia oggi - ha detto il presidente della commissione Agricoltura della Camera, Filippo Gallinella - vogliamo portare idee concrete alla prossima commissione del Parlamento europeo su cui lavorare e fare una battaglia condivisa a partire dalla necessità di garantire la massima trasparenza ai consumatori in qualsiasi prodotto acquistino".

Il problema di quando si parla di made in è capire se la tutela deve coprire la trasformazione o anche la materia prima: nel primo caso, un prodotto puo' avere l'etichetta "tricolore" se preparato in Italia, anche se con ingredienti esteri. E quanto chiede il presidente di Federalimentare, Ivano Vacondio: "Il vero made in Italy è il nostro saper fare, perché siamo obbligati ad importare materie prime; ben venga quindi valorizzare il prodotto nazionale ma questo non deve essere imprescindibile rispetto alla definizione di made in Italy che è fatto dalla capacità di trasformare. Bene venga la trasparenza in etichetta, ma va ricordato che ha un costo che deve essere sostenuto dal consumatore".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non è più possibile separare il prodotto italiano dal suo modello e dalle sue radici", ha detto il presidente di Filiera Italia Luigi Scordamaglia, "nessuna azienda alimentare prescinde dal territorio in cui è nata e questo conferisce un valore aggiunto che i concorrenti mondiali non potranno mai avere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'hamburger vegano della Nestlè non potrà più essere "Incredible"

  • La catena di fast food più diffusa al mondo? Non è McDonald's

  • La pandemia stimola l'agricoltura 4.0: robot e droni per sostituire i braccianti

  • Fondi Ue, ecco perché ora la Commissione vuole investire di più in sviluppo rurale

  • Migranti, al via le regolarizzazioni: “Ma non basteranno, servono altri 150mila braccianti dall'Est Europa”

  • Modifiche genetiche, “fateci usare le biotecnologie”. L’appello degli agricoltori britannici

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento