rotate-mobile
Mercoledì, 30 Novembre 2022
Caro prezzi

"Mangiare meno carne contributo contro Putin", la proposta del ministro tedesco

Per Cem Ozdemir un sistema in cui il 60 per cento del grano finisce negli allevamenti, come in Germania, "è insostenibile". E aumenta la dipendenza dalla Russia

"Mangiare meno carne sarebbe un contributo contro Putin”. Lo ha detto il ministro tedesco dell'Agricoltura, Cem Ozdemir. Vegetariano ed esponente dei Verdi, Ozdemir sta affrontando, al pari dei suoi colleghi europei, i contraccolpi della guerra in Ucraina sul settore agricolo tedesco. Ma mentre la Commissione Ue sembra orientata a proporre una sospensione delle nuove norme della politica agricola comune e della strategia Farm to fork, che mira proprio a ridurre i consumi di carne e gli allevamenti intensivi, il ministro ecologista sostiene un'altra strada.

Per Ozdemir bisogna agire su due livelli. Il primo è quello dei prezzi. Finora, il dibattito pubblico in Germania ha posto l'accento soprattutto sui rincari dei carburanti, e il collega di governo di Ozdemir, il ministo delle Finanze Christian Lindner (esponente dei liberali) ha proposto di usare la leva pubblica per ridurre il costo di benzina e diesel per automobilisti e imprese. Una proposta che non trova d'accordo il titolare dell'Agricoltura, secondo cui, se bisogna intervenire con sostegni pubblici, questi devono servire a calmierare i prezzi degli alimenti.

"Non tutti hanno un'auto o dipendono da una. Ma ognuno deve nutrirsi. Tutti dipendono da questo", ha detto in una intervista a Spiegel. "Sono sorpreso che si dica sempre che il mercato regola le cose, e questo valga per l'energia, il cibo, gli alloggi, ma non per il carburante", ha aggiunto con chiaro riferimento alle posizioni liberiste di Lindner. "Coloro che gridano più forte non sono automaticamente i più bisognosi - continua - Non possiamo attraversare il Paese con una cornucopia, dobbiamo aiutare in modo mirato".

D'altra parte, Ozdemir reputa che bisogna anche fare fronte ai problemi strutturali del settore agroalimentare. A partire dal comparto della carne e degli allevamenti intensivi: a suo avviso, un sistema in cui il 60 per cento del grano finisce nelle mangiatoie, come in Germania,"è insostenibile e non funziona in un contesto globale". E rende il Paese più dipendente dai fattori produttivi provenienti dall'esterno, Russia compresa: Ecco perché "mangiare meno carne sarebbe un contributo contro Putin”, così come ridurre gli sprechi alimentari. 

Questo sul fronte interno. Ma per Ozdemir i rischi maggiori derivano dall'impatto della guerra in Africa e in Asia, dove c'è una maggiore dipendenza dal grano di Russia e Ucraina. "Il pericolo (della carestia, ndr) è reale", dice Ozdemir della carestia . "Il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite ottiene il 50 per cento del suo grano dall'Ucraina", ricorda. Sono questi rischi ad aver spinto in alto i prezzi su scala globale, e quindi anche in Europa e in Germania. Dietro tali rincari, il ministro vede in atto una speculazione, contro cui intende prendere provvedimenti. “Non rimarremo a guardare se i sospetti verranno confermati", conclude. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mangiare meno carne contributo contro Putin", la proposta del ministro tedesco

AgriFoodToday è in caricamento