Cresce l'export di mortadella. Piace soprattutto a francesi e tedeschi

Le vendite all'estero sono cresciute nel 2018 dell'8,6%. Fuori dall'Ue, i maggiori consumatori sono i giapponesi e gli svizzeri

Un aumento dell'8,6% in un anno. Una crescita niente male quella dell'export di mortadella Bologna Igp all'estero nel 2018. E' quanto emerge dai dati diffusi oggi dall'agnzia Askanews.

Dei 33 milioni di kg venduti nel 2018, scrive l'agenzia, l'84% viene consumato in Italia e il 16% all'estero, per un valore totale di 320 milioni di euro. I principali Paesi consumatori, per quel che riguarda l'Unione europea, si confermano Francia e Germania: nel mercato tedesco, in particolare, il consumo è aumentato del 33% rispetto all'anno precedente. Si confermano grandi consumatori di Mortadella Bologna anche la Spagna e la Gran Bretagna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quel che riguarda invece l'export extra Ue (per ora ancora il 6% del totale) la mortadella viene acquistata principalmente in Svizzera e in Giappone. "Un anno importante per la Mortadella Bologna IGP, che si impone sempre di più non solo sul mercato italiano ma anche su quello estero grazie al grande lavoro che il Consorzio sta svolgendo in alcuni Paesi del mondo - dice il presidente del Consorzio Mortadella Bologna, Corradino Marconi - Il nostro obiettivo è quello di continuare a lavorare con costanza per riuscire ad avere anche quest'anno ottimi risultati ed avere sempre qualcosa per cui valga la pena festeggiare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Birra e patatine a rischio per il clima, il Belgio in allarme

  • La misteriosa malattia che sta uccidendo i kiwi italiani

  • È mandorle mania, da 5 anni in Europa l'ingrediente più usato nei nuovi prodotti alimentari

  • Londra vieta i gruppi di più di sei persone, ma non se si va a caccia

  • "Carne contaminata venduta sul mercato", l'allarme degli ispettori sanitari europei

  • Il governo polacco collassa sulla legge per vietare gli allevamenti di animali da pelliccia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento