menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'obbligo europeo di inserire l'origine di ingredienti e prodotti alimentari già dal 2022

Lo schema già in vigore in Italia dovrebbe essere esteso anche agli altri Paesi membri e dovrebbe comprendere prodotti come latte, carne, riso, grano duro per la pasta, patate e pomodoro

È fissato per il primo semestre 2022 l'orizzonte per l'introduzione dell'obbligo di etichettatura di origine di ingredienti e prodotti alimentai a livello di Unione europea.

Come riporta L'Informatore Agrario a dare la notizia è stata la direttrice per la sicurezza alimentare e dei mangimi e l'innovazione della Direzione generale salute della Commissione europea, Sabine Juelicher, intervenuta in videoconferenza allo European Food Forum. Stando a quanto spiegato, l'attesa regolamentazione dovrebbe interessare gli alimenti già coperti dagli schemi nazionali in vigore in Francia, Italia e in altri sei Paesi europei, e quindi il "latte e il latte usato come ingrediente, la carne utilizzata come ingrediente, la carne di coniglio e la selvaggina, il riso, il grano duro per la pasta, le patate e il pomodoro usato in alcuni prodotti a base di pomodoro".

Una prospettiva che premierebbe il gioco d'anticipo dei funzionari italiani che hanno segnalato tutti i prodotti già regolamentati a livello nazionale, anche se questo non garantisce che saranno inseriti. Si tratta di un cambio di rotta strategico rispetto al regolamento 1169/2011 che prevedeva la necessità di dimostrare un "comprovato nesso tra origine e qualità del prodotto", per avere l'obbligo di etichetta. Per la funzionaria la trasparenza in etichetta “se la facciamo bene sarà un vantaggio competitivo nel mercato globale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L’export agroalimentare italiano sempre più sostenibile

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento