Emergenza olio d'oliva: in un anno scomparse 3 bottiglie su 5 made in Italy

Nel 2018, la produzione nel nostro Paese è diminuita del 59%. Il dato peggiore in Puglia. A livello mondiale, record di crescita della Spagna

In un anno, quasi 3 bottiglie su 5 di olio d'oliva italiano sono scomparse da tavole e supermercati. E' quanto emerge dagli ultimi dati dell'Ismea, l'Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare, che registra nel 2018 un calo della produzione del 59%.

La Puglia la più colpita

A contribuire al trend negativo è soprattutto il Sud, a partire dalla Puglia, "per la quale si stima una riduzione del 65%", scrive l'Ismea. "Calo produttivo anche per Calabria, Sicilia e per quasi tutte le altre regioni centro-meridionali", aggiunge l'istituto. Una situazione migliore si registra nel Centro-Nord, "con recuperi di Toscana, Umbria e Liguria".

In totale, sono 175mila le tonnellate che l'Italia ha prodotto l'anno scorso. A livello mondiale, la produzione è rimasta sotto i tre milioni di tonnellate, con una flessione del 7%. A 'piangere' sono anche la Grecia, (185 mila tonnellate -47% rispetto al 2017), la Tunisia (120 mila tonnellate) e la Turchia (165 mila, -37%). Di segno opposto, invece, la produzione in Spagna, leader mondiale indiscussa che nel 2018 ha fatto registrare una campagna record: ben 1,8 milioni di tonnellate di olio d'oliva prodotte, con un incremento del 42,5% rispetto all'anno precedente. 

100mila posti di lavoro persi

Secondo Coldiretti, a causa della flessione produttiva, la filiera italiana dell'olio d'oliva ha perso ben 100mila posti di lavoro. E per questo le varie organizzazioni del settore chiedono un intervento straordinario del governo: "Per affrontare l'emergenza - dice Coldiretti - serve una strategia condivisa tra il ministero all'Agricoltura, il Mise e il ministero per il Sud" con misure per "l'integrazione al reddito per 5 anni per i frantoi cooperativi, aziendali e industriali", interventi economici "a supporto della rottamazione degli impianti, per le aziende che vogliono dismettere o riconvertire l'attività", e un "sostegno all'occupazione attraverso l'esonero dei contributi previdenziali e gli sgravi dei contributi per i lavoratori".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I dazi di Trump

Sull'olio d'oliva italiano potrebbero pesare anche i dazi che gli Usa hanno deciso di imporre su una serie di prodotti agroalimentari dell'Ue. Il mercato statunitense è tra i più importanti per l'export dell'olio, dal momento che i consumi annui ammontanto a 300mila tonnellate contro una produzione locale di appena 10mila tonnellate. Ecco perché è stata lanciata una petizione per evitare che la scure dei dazi si abbatta su questo settore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tabacco fa bene alla salute, lo dicono gli scienziati (italiani)

  • Più soldi ai contadini e meno Co2 grazie ai boschi: le priorità dei cittadini sulla Pac

  • Embrioni di bovini da carne impiantati nelle mucche da latte per ottimizzare la produzione

  • Dall'Eurocamera ok a 1,2 miliardi per l'agricoltura italiana nel 2021

  • L'aspettativa di vita degli italiani? Quella "sana" è di 73 anni

  • "Meno carne non comporta per forza meno inquinamento", uno studio Ue contro i falsi miti sugli allevamenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento