menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pernigotti, M5s presenta interrogazione a Bruxelles: "Valutare uso fondi Ue"

Secondo l'eurodeputata Beghin, se l'azienda ha avuto finanziamenti comunitari, questi dovranno essere restituiti dopo la decisione di delocalizzare la produzione dall'Italia alla Turchia

Il Movimento 5 stelle interviene sul caso Pernigotti, l'azienda dolciaria che ha annunciato di chiudere la produzione in Italia per spostarla in Turchia. In una un'interrogazione urgente presentata alla Commissione europea, l'eurodeputata Tiziana Beghin chiede di "accertare se Pernigotti abbia ricevuto fondi europei da quando è stata acquisita dalla nuova proprietà turca".

"Se i nostri sospetti fossero confermati, chiederemo alla proprietà turca di restituire all’Italia e all’Europa i contributi ricevuti”, annuncia Beghin, che continua: "Se un’azienda ha ricevuto contributi pubblici deve restituirli in caso di delocalizzazione. Questo principio di buon senso è diventato legge grazie al decreto Dignità". La scelta di chiudere lo stabilimento produttivo di Novi Ligure, prosegue Beghin, "è la 
decisione economica di una società privata che il governo non può impedire, ma le colpe vanno rintracciate tra chi, negli ultimi anni, ha  permesso la svendita di innumerevoli imprese storiche italiane, consegnandole nelle mani di chi pensa solo al profitto, senza rispetto per tradizioni centenarie e per i posti di lavoro”, conclude l'eurodeputata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento