Piscicoltori contro gli stereotipi: il pesce allevato è di qualità

L'associazione italiana che li riunisce: “Abbandonare i vecchi luoghi comuni, la differenza sensoriale e nutrizionale con quello selvaggio è sempre meno significativa”

In Italia i controlli sugli allevamenti di pesci sono tra i più rigorosi al mondo e, grazie alla tracciabilità, in qualsiasi momento si può verificare che cosa hanno mangiato i pesci allevati. A rivendicarlo con una nota è l'Api, associazione piscicoltori italiani, che riunisce oltre 300 imprese del settore attivi sia in acqua interne sia in acque marine salmastre. In acquacoltura, viene sottolineato dall'associazione, l'uso degli antibiotici è molto ridotto, controllato, limitato e mirato soltanto per la terapia di una specifica malattia.

"Bisogna abbandonare i vecchi luoghi comuni perché ormai la differenza sensoriale e nutrizionale tra pesce allevato e selvaggio - ha precisato il direttore di Api Andrea Fabris - è sempre meno significativa e praticamente trascurabile negli allevamenti più all'avanguardia, il prodotto ittico allevato non ha nulla da invidiare a quello pescato ed è più costante, fresco ed igienicamente controllabile". "La possibilità dunque di controllare le diete dell'acquacoltura e la natura delle materie prime utilizzate per produrre i mangimi, ai fini di contenere anche la presenza di micro e nanoplastiche nei pesci allevati destinati alla nostra tavola, è un obiettivo prioritario dell'industria ittica che punta ormai solo alla qualità e alla sostenibilità, piuttosto che alla quantità" ha aggiunto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attualmente, in Italia la quantità di pesce allevato è equiparabile a quella del pescato, ma importiamo ancora il 75% dei prodotti ittici. Il fatturato italiano è di 288 milioni di euro. Gli allevatori del nostro Paese vendono spigole e orate quasi solo sul mercato interno, mentre un terzo delle trote è destinato all'estero e, in Austria e in Germania, sono vendute anche vive. Il caviale allevato, invece, è esportato per l'85-90% e vede e l'Italia in posizione di leader nella produzione di caviale in Ue (51 tonnellate), oltre la metà del quale viene da tre imprese della provincia di Brescia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage di pesci e animali ubriachi in Slovenia: "Colpa del vino nel fiume"

  • Crostacei contaminati da microplastiche: la triste scoperta italiana nel mar Artico

  • "Macelli focolai di coronavirus", la Germania vara una stretta sull'industria della carne

  • Stagionali rumeni bloccati dal Covid, vendemmia a rischio

  • La truffa dei cibi anti-Covid: "Nemmeno il lockdown ha fermato le frodi alimentari"

  • Dall'Ue ok all'etichetta a batteria "salva made in Italy"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento