menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il piatto più amato dagli italiani? Il Pokè spopola tra le consegne a domicilio

Secondo una ricerca di Deliveroo, l'insalata hawaiana con pesce crudo batte pizza, hamburger e sushi a Milano e Firenze, mentre si piazza sul podio a Napoli e Roma. Nella Capitale, nel quadrilatero della politica, grande attenzione ai cibi leggeri. Ma è maglia nera per l'uso di posate di plastica

Sono il Pokè e l'hamburger i piatti più amati dagli italiani, almeno quando si tratta di ordinare cibo a domicilio. L'insalata hawaiana con pesce crudo marinato e tagliato a cubetti a basso contenuto calorico, infatti, è la prima scelta dei clienti di Deliveroo a Milano e Firenze e raggiunge il terzo posto a Roma e Napoli, città dove in testa resta saldo invece il classico panino Usa. Lo rivela un'indagine svolta dalla stessa società di consegne a domicilio. 

Tra i piatti più ordninati, bene anche il sushi, mentre la pizza raggiunge il secondo posto a Roma e appena il quaro a Napoli. Se si restringe il campo a determinate zone cittadine, colpisce la preferenza per chi vive e lavora nel quadrilatero della politica della Capitale, tra Montecitorio e ministeri vari, dove a primeggiare è Thai Noodle wok a base di spaghetti orientali nati in Cina 4 mila anni fa e realizzati con farina di riso, grano saraceno, fagiolo mungo, mais oppure alghe, saltati nel wok e conditi con pesce, pollo o verdure.

L'indagine di Deliveroo non si sofferma solo sulle abitudini alimentare, ma valuta anche l'attenzione all'ambiente da parte dei clienti, nello specifico l'atteggiamento verso la plastica: ben il 91% dei consumatori italiani, infatti, sceglie l'opzione ecologica "no posate" introdotta da Deliveroo nel 2018. Una percentuale che si abbassa enormemente a Milano Centro e nella zona del Parlamento a Roma, dove a pranzo solo 1 ordine su 3 prevede l'opzione ecologica. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento