Polli a "crescita lenta" e con più spazio e luce naturale: lo chiede il Parlamento Ue

Strasburgo ha approvato una risoluzione in cui si chiede all'Unione europea di varare norme che rispettino il benessere nel settore avicolo

Migliorare la salute e il benessere dei polli da carne. E' quanto ha chiesto il Parlamento europeo con una risoluzione votata a maggioranza a Strasburgo.

Per gli eurodeputati, occorre che la Commissione Ue presenti una proposta di legge che renda obbligatori negli allevamenti alcune misure. “Da troppi anni, i polli aspettano protezione. Eppure, la Commissione non ha fatto nulla - dice l'eurodeputata olandese Anja Hazekamp della Sinistra europea - Chiediamo di aumentare drasticamente la salute e il benessere dei polli da carne. Negli allevamenti servono una maggiore esposizione dei polli alla lluce naturale, aria pulita e più spazio, così come l'uso di una razza a crescita lenta di polli ".

 Attualmente, gli allevatori di pollame in Europa utilizzano spesso razze di polli a crescita estremamente rapida e più sensibili alle malattie. La risoluzione mira a migliorare la salute e il benessere degli animali modificando la razza di polli utilizzati e passando a sistemi di allevamento alternativi che consentano un benessere più elevato. La risoluzione chiede inoltre misure per ridurre l'uso di antibiotici e altri antimicrobici e garantire che le carni di pollo importate da Paesi terzi siano conformi alle normative dell'Ue.
 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bruxelles vuole comprare terreni agricoli nel resto del Belgio per sfamare i suoi cittadini

  • Per i vegani le probabilità di fratturarsi le ossa sono più alte del 40 per cento

  • I prodotti integrali riducono fino a un quarto il rischio di mortalità

  • “Un anno dopo l’incidente dove morirono migliaia di pecore la Romania continua a violare le regole Ue”

  • "Le offerte sottocosto in tempo di Covid stanno facendo chiudere le aziende agricole"

  • 'Guerra delle salsicce' tra Ue e Uk, le carni trattate rischiano l'esclusione dal commercio post-Brexit

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento