menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Promozione delle eccellenze italiane nel mondo, ecco la lista dei progetti beneficiari di fondi Ue

Contributi per 200 milioni destinati alle campagne pubblicitarie per far conoscere prodotti europei Dop e Igp nel mercato interno ed estero. Tra i vincitori ci sono anche i vini della Valpolicella, la Patata di Bologna, il Pecorino Romano e l’Aceto Balsamico

Una boccata d’ossigeno per le eccellenze agroalimentari italiane, un settore alle prese con un futuro incerto a causa dai dazi americani e dagli effetti della Brexit. Parte dei 200 milioni di euro assegnati dalla Commissione europea andranno infatti a beneficio di consorzi di tutela e associazioni di produttori per la promozione dei loro marchi sia nel mercato europeo che in quello estero. Il contributo erogato ai progetti vincitori serve a “evidenziare la qualità del cibo europeo con indicazioni geografiche o metodi di produzione biologica”, spiega il commissario uscente all’Agricoltura, Phil Hogan

Promuovere i cibi europei

Delle 81 campagne di promozione approvate, 55 si concentreranno su Paesi extra-Ue come Brasile, Canada, Cina, Messico e India. I progetti selezionati copriranno una vasta gamma di prodotti, dal settore lattiero-caseario alle olive, dai vini alla frutta e verdura. Il solo settore ortofrutticolo avrà 16 programmi dedicati, mentre formaggi e latticini potranno contare su otto campagne di promozione. I programmi selezionati per il 2019 provengono da 19 Stati Ue.

Le eccellenze italiane

Tra i progetti italiani che si sono aggiudicati i finanziamenti troviamo il vini della Valpolicella, i Consorzi di tutela della Patata di Bologna, del Pecorino Romano, dell’Aceto Balsamico di Modena e del pomodoro San Marzano dell'Agro Sarnese-Nocerino. Il Consorzio olivicolo italiano promuoverà l’olio d’oliva in Russia, mentre il Consorzio di tutela del Barolo Barbaresco concentrerà le sue attività tra Cina e Stati Uniti

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento