Promozione delle eccellenze italiane nel mondo, ecco la lista dei progetti beneficiari di fondi Ue

Contributi per 200 milioni destinati alle campagne pubblicitarie per far conoscere prodotti europei Dop e Igp nel mercato interno ed estero. Tra i vincitori ci sono anche i vini della Valpolicella, la Patata di Bologna, il Pecorino Romano e l’Aceto Balsamico

Una boccata d’ossigeno per le eccellenze agroalimentari italiane, un settore alle prese con un futuro incerto a causa dai dazi americani e dagli effetti della Brexit. Parte dei 200 milioni di euro assegnati dalla Commissione europea andranno infatti a beneficio di consorzi di tutela e associazioni di produttori per la promozione dei loro marchi sia nel mercato europeo che in quello estero. Il contributo erogato ai progetti vincitori serve a “evidenziare la qualità del cibo europeo con indicazioni geografiche o metodi di produzione biologica”, spiega il commissario uscente all’Agricoltura, Phil Hogan

Promuovere i cibi europei

Delle 81 campagne di promozione approvate, 55 si concentreranno su Paesi extra-Ue come Brasile, Canada, Cina, Messico e India. I progetti selezionati copriranno una vasta gamma di prodotti, dal settore lattiero-caseario alle olive, dai vini alla frutta e verdura. Il solo settore ortofrutticolo avrà 16 programmi dedicati, mentre formaggi e latticini potranno contare su otto campagne di promozione. I programmi selezionati per il 2019 provengono da 19 Stati Ue.

Le eccellenze italiane

Tra i progetti italiani che si sono aggiudicati i finanziamenti troviamo il vini della Valpolicella, i Consorzi di tutela della Patata di Bologna, del Pecorino Romano, dell’Aceto Balsamico di Modena e del pomodoro San Marzano dell'Agro Sarnese-Nocerino. Il Consorzio olivicolo italiano promuoverà l’olio d’oliva in Russia, mentre il Consorzio di tutela del Barolo Barbaresco concentrerà le sue attività tra Cina e Stati Uniti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Patatine fritte, l'Ue va alla guerra (commerciale) con la Colombia

  • Tanto lavoro, pochi migranti: il decreto flussi non funziona. M5s: "Va rivisto"

  • L'Efsa contro la strage dei pulcini: sostenere le innovazioni per evitarla

  • "Basta a salse con derivati dal petrolio al posto del tartufo"

  • Basta sprechi, ecco le 10 mosse per ridurre il cibo che finisce in spazzatura

  • Mangi poche verdure? “Colpa” di un gene

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento