Il prosecco 'diventa' francese ed entra nel vocabolario Le Petit Robert

Le bollicine tricolore sempre più amate oltralpe, la parola diventa uno dei 109 nuovi termini inseriti nell'edizione 2020 del più celebre dizionario del Paese

Il Prosecco conquista la Francia. E non solo nel calice, con il più celebre degli spumanti italiani che vede crescere il suo mercato nella patria del ''totem'' Champagne. Le bollicine tricolore, fanno sempre più parte della quotidianità dei francesi. Al punto che la parola ''Prosecco'' è uno dei 109 nuovi vocaboli inseriti nell'edizione 2020 de Le Petit Robert, il più celebre dizionario francese, che sarà in libreria dal 16 maggio 2019.

Notizia che Winenews.it raccoglie proprio al via di Vinexpo, a Bordeaux, e che testimonia la crescita dell'Italia del vino e del cibo in terra di Francia, come spiega il direttore Ice di Parigi, Giovanni Sacchi: ''il vino italiano vale il 17% delle importazioni di vino in Francia, nel 2018 cresciute del 10%, pari a 180 milioni di euro, siamo secondi dietro alla Spagna. L'immagine del wine food italiano è molto buona, in forte crescita, e lo testimonia tra le altre cose il grande successo di Eataly a Parigi, un mese fa, accolto molto bene e con ancora code tutti i giorni, e la ristorazione italiana è quella sta trainando anche il successo del vino".

"In testa a tutto c'è il Prosecco, cresciuto del 37% nel 2018, sta andando benissimo, ed il suo successo è stato consacrato da Le Petit Robert, che è il dizionario più importante della lingua francese, che tra le 109 nuove parole di questa edizione ha inserito proprio Prosecco, che diventa così anche una parola di uso francese, a testimonianza di quello che questo vino sta diventando anche qui'', spiega.''Una notizia che fa piacere e ci riempie di orgoglio, felici del lavoro che stiamo facendo sul territorio e come ambasciatori nel mondo del made in Italy'', ha commentato a Winenews.it il presidente del Consorzio del Prosecco Doc, Stefano Zanette.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Glifosato vietato in Austria. È il primo Paese europeo a dire addio all’erbicida 

  • Gli squali del Mediterraneo sono in estinzione

  • "Prosciutto più nocivo di maionese? Etichetta ingannevole": agricoltori italiani contro il Nutriscore

  • Al Sud lavoro in agricoltura per 22mila giovani, ma 3 su 4 vengono respinti

  • Tagliare 300 calorie al giorno fa bene al cuore, anche di chi è in forma

  • Sovrasfruttamento nel mare di Sicilia, “56 pescherecci con reti a strascico in zone protette”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento