menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
ANSA/MASSIMO PERCOSSI

ANSA/MASSIMO PERCOSSI

Salvini minaccia l’Ue: con tagli all’agricoltura non firmeremo il bilancio

Il vicepremier: "Il settore per troppo tempo è stato sacrificato in nome del mercato delle auto, di quello bancario e dell'energia"

L’Italia si opporrà in ogni modo a eventuali tagli all’agricoltura italiana nella prossima pac, anche rifiutandosi di approvare il prossimo bilancio pluriennale dell’Ue. Lo ha detto il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini all'inaugurazione del villaggio della Coldiretti a Roma. "L'Ue sta predisponendo il bilancio per i prossimi 7 anni e c'è a rischio un taglio di 3 miliardi per gli agricoltori. Sappiano a Bruxelles che non firmeremo mai un bilancio che toglie anche un euro all'agricoltura italiana. I tagli se li possono infilare nel taschino della giacca", ha affermato il leader della Lega lamentando che in questi anni "l'agricoltura è stata sacrificata in nome del mercato delle auto, di quello bancario e dell'energia".

No ad accordi commerciali che danneggiano l'Italia

"Lo spread mi sta a cuore, perché interessa i mutui e risparmi dei cittadini italiani - ha aggiunto - ma prima ancora mi sta a cuore l'agricoltura italiana: se muore una stalla muore l'identità e la tradizione". Salvini è poi tornato a criticare accordi commerciali che danneggerebbero l'Italia. "Il falso Made in Italy ci costa 60 miliardi. Il 'Parmesan' e la 'Mozzarilla' Juncker la dia da mangiare ai suoi figli. Non firmeremo alcun accordo commerciale con alcun Paese che danneggi l'agricoltura italiana".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento