La spesa degli italiani è sempre più sana e bio

Secondo una indagine realizzata da Nielsen e GS1 Italy, nel 2018, aumentano i prodotti nutrienti nel carrello. Crescono soprattutto le vendite di alimenti legati al lifestyle con +8,9%

Sempre più proteine, fibre e grassi. E sempre meno zuccheri. Gli italiani sono sempre più attenti alla qualità della loro spesa. Secondo una indagine realizzata da Nielsen e GS1 Italy, nel 2018, aumentano i prodotti nutrienti nel carrello della spesa degli italiani. Cresce soprattutto il richiamo al lifestyle, dal veg al bio, con l'italianità che resta la numero uno per presenza nelle etichette dei prodotti a scaffale e per valore delle vendite

Tra giugno 2017 e giugno 2018 l'apporto calorico del carrello è aumentato dello 0,2%, arrivando a 182,8 calorie per 100 g/ml. Un nuovo mix di acquisti alimentari che vede una crescita di prodotti con più fibre, proteine e lipidi e un calo di carboidrati e zuccheri. Analizzando quasi 95mila prodotti digitalizzati, l'indagine rileva trend positivi soprattutto nelle vendite di alimenti legati al lifestyle con +8,9% (tra biologici, veg, halal e koshe) e degli arricchiti i "rich-in" +5,2% (in particolare integrali o con fibre).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Crescono ma in modo più lento rispetto ai mesi scorsi, i prodotti per intolleranti al glutine o al lattosio (+3,2% contro +4,4% dei 12 mesi precedenti) e i 'senza' i 'free from' (+1% rispetto al +2,3%). Viene confermato, infine, il fenomeno dell'italianità dichiarata in etichetta, che accomuna il 25,1% dei prodotti e raggiunge il 22,5% di quota sul giro d'affari complessivo, in crescita del 3,5% rispetto all'anno precedente. Complessivamente sono oltre 6,4 miliardi di euro le vendite generate dai prodotti che riportano in etichetta le diciture "100% italiano", made in Italy" e "solo ingredienti italiani", pittogrammi come la bandiera nazionale e indicazioni geografiche riconosciute in ambito Uecome Dop, Igp, Doc e Docg. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoperto nei maiali in Cina nuovo virus “con potenziale pandemico per l’uomo”

  • “Mangiate meno formaggio”, la 'rivoluzione' francese per il bene del clima

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Le condizioni di lavoro nei macelli li rendono possibili focolai di coronavirus

  • Via libera all'etichetta per tutelare i salumi Made in Italy

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento