In Italia, il 2% del cibo sprecato prima di essere venduto

A rilevarlo è la Fondazione Barilla Center for Food e Nutrition. Ogni anno, gettiamo nell'immondizia 20 milioni di tonnellate di alimenti

In Italia lo spreco alimentare che si genera prima della vendita corrisponde al 2% del cibo prodotto (percentuale in linea con quelle della maggior parte dei paesi in Ue): ben 65 Kg di cibo l'anno pro capite. A rilevarlo è la Fondazione Barilla Center for Food e Nutrition, in vista della Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare del 5 febbraio.

Il nostro Paese, però, si distingue anche nella lotta alle perdite alimentari. Anche grazie alla legge Gadda si è riusciti a limitare gli sprechi, promuovendo la redistribuzione delle eccedenze e dei beni inutilizzati per fini di solidarietà sociale, con un aumento delle donazioni del 21% nel primo anno della legge. Rimane ancora molto da fare nella lotta allo spreco, visto che buttiamo circa 20 milioni di tonnellate di cibo ogni anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Patatine fritte, l'Ue va alla guerra (commerciale) con la Colombia

  • Tanto lavoro, pochi migranti: il decreto flussi non funziona. M5s: "Va rivisto"

  • Basta sprechi, ecco le 10 mosse per ridurre il cibo che finisce in spazzatura

  • I pescatori siciliani contro l’accordo Italia-Libia. E se la prendono con l’Ue

  • "Agricoltura italiana seconda nell'Ue per valore della produzione”. In difficoltà il settore della carne

  • La cucina italiana nel mondo vale 229 miliardi l'anno

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento