I trattori assediano Bruxelles contro i tagli alla Politica agricola comune

La Cia: “Non è possibile raggiungere gli obiettivi ambiziosi su sostenibilità, clima, sviluppo e occupazione senza mantenere almeno l’attuale livello di spesa”

Trattori a Bruxelles - foto Cia

Mentre i leader europei si riunivano al Consoglio per discutere il futuro bilancio dell'Unione per il periodo 2021-27 gli agricoltori hanno marciato nella capitale europea per protestare contro le prospettive di tagli alla Politica agricola comune.

Mantenere il livello di spesa

Almeno un centinaio di trattori hanno bloccato le strade vicino al quartiere europeo in una manifestazione organizzata dalle associazioni dei giovani agricoltori di Vallonia e Fiandre e alla quale hanno aderito anche molte sigle europee tra cui gli italiani della Cia e l'European Council of Young Farmers (Ceja). “Non è possibile raggiungere gli obiettivi ambiziosi su sostenibilità, clima, sviluppo e occupazione senza mantenere almeno l’attuale livello di spesa agricola nel prossimo bilancio Ue”, ha affermato la confederazione sottolineando come secondo l’ultima proposta del presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, sarebbe prevista una riduzione di oltre il 14% degli stanziamenti per l’agricoltura rispetto alla dotazione 2014-2020, cosa che solo per l’Italia significherebbe un taglio di circa 2,7 miliardi di euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rinnovo generazionale

"Queste persone scese oggi in piazza chiedono una speranza per il futuro ci chiedono di essere più sostenibili e noi vogliamo esserlo, ma abbiamo bisogno di risorse adeguate per farlo", ha detto il segretario generale del Copa e Cogeca Pekka Pesonen. “Senza un forte bilancio per la Pac, il rinnovo generazionale in agricoltura è in pericolo. E senza un rinnovo generazionale l'agricoltura stessa è in pericolo”, ha avvertito Pierre André, il presidente della Federazione vallona dei giovani agricoltori, secondo cui “l'agricoltura europea garantisce alimenti di qualità ed è anche un alleato essenziale nella lotta contro il riscaldamento globale”, sostenerla serve quindi a “garantire un'economia prospera e una società stabile”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 400 anni dall'estinzione nel Regno Unito torneranno i castori

  • Bellanova: Giusto che il bonus ristorazione vada solo a chi acquista Made in Italy

  • Industria dello champagne in ginocchio: "Crisi peggio della Grande Depressione"

  • Agrumi infetti da Sud America e Cina, 7 casi intercettati prima dell'ingresso in Italia

  • Controlli sul falso miele, in oltre l'8% dei casi trovati prodotti contraffatti

  • Estate da record per le tartarughe, boom di nidi di caretta caretta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento