menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Agroalimentare, sono 98 le start up innovative in Italia

Il censimento dell'Osservatorio Smart AgriFood del Politecnico di Milano e dell'Università degli Studi di Brescia. Un terzo si concentra in Lombardia

Sono 98 le start up innovative che operano nel settore agroalimentare italiano. A censirle sono stati l'Osservatorio Smart AgriFood del Politecnico di Milano e l'Università degli Studi di Brescia, che per la prima volta hanno messo insieme le realtà attive nell'innovazione tecnologica e digitale del settore agricolo e agroalimentare del Belpaese. 

Un terzo di queste imprese, il 33%, si concentra in Lombardia. A seguire l'Emilia Romagna con il 17%, poi Lazio, Veneto e Campania. Il benessere animale e il controllo della qualità sono i principali ambiti di lavoro di queste start up, alcune delle quali saranno da domani al centro dell'Agrinnovation Summit, salone dedicato all'innovazione e alla smart-agricolture e smart-farming delle Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona.

"Le nuove imprese, quelle che ora sono chiamate start up, incentivano e generano la ricchezza futura di un settore. La forte crescita delle Startup Smart AgriFood riscontrata in Italia nell'ultimo biennio è perciò un dato estremamente positivo", osserva Filippo Renga, direttore dell'Osservatorio Smart AgriFood e cofondatore degli Osservatorio Digital Innovation della School of Management del Politecnico di Milano.

I settori dove l'innovazione è maggiormente presente sono il vitivinicolo (17%) e l'ortofrutticolo (14%). Il 4% delle start up analizzate offre soluzioni per il settore lattiero-caseario, con particolare attenzione al benessere e al controllo della qualità nelle fasi produttive. In crescita anche l'ambito dell'eCommerce che punta al supporto dei piccoli produttori di qualità. "Vogliamo favorire il contatto diretto fra start up e operatori del settore - è il commento del presidente di CremonaFiere Roberto Zanchi - per questo abbiamo pensato all'Agrinnovation Summit durante le Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona. In questo contesto, la stretta integrazione tra veterinaria, zootecnia, nutrizione, agricoltura, agrotech e foodtech, consente il collegamento con la comunità scientifica internazionale, per generare concrete opportunità di business".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Le donne devono stare in cucina", l'autogol di Burger King

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento