menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Ansa EPA/TAMAS KOVACS

Foto Ansa EPA/TAMAS KOVACS

Centinaio: “L'agricoltura, come il turismo, ha bisogno del sostegno della ricerca”

Il ministro all'inaugurazione dell'anno accademico all'università di Pavia: “La metà di chi lavora nel settore è rappresentato da giovani laureati”

Cultura e turismo per crescere hanno bisogno di cultura e ricerca. Ne è convinto il ministro Gian Marco Centinaio che è intervenuto a Pavia alla cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico del locale Ateneo. "Qualcuno si sarà chiesto: perché invitare un ministro dell'Agricoltura e del Turismo all'inaugurazione di un anno accademico? È presto detto. Agricoltura e turismo sono due settori che hanno più che mai bisogno di sostegno dal mondo della cultura e della ricerca che nell'Università trovano il loro habitat naturale".

La presenza del ministro non è piaciuta però a tutti e centinaio è stato contestato da alcuni docenti che hanno disertato l'evento e da un gruppo di studenti che hanno organizzato manifestazioni di protesta fuori dall'Aula Magna. "Oggi più della metà di chi lavora in Agricoltura - ha aggiunto Centinaio - è rappresentato da giovani laureati. Il rapporto tra Agricoltura e mondo accademico è più che mai stretto. Ed è altrettanto importante anche l'apporto dell'Università al turismo, un settore in cui servono sempre più figure manageriali e persone che conoscano bene le lingue straniere".

Una considerazione, quella del ministro, condivisa anche del professor Fabio Rugge, rettore dell'Università di Pavia: "L'Agricoltura - ha detto il rettore, a margine della cerimonia di questa mattina - non è più solo vanga e aratro; è anche biologia, fisica, management. La nostra università tra i suoi corsi ha anche quelli su queste materie. Per questo cerchiamo di aiutare la provincia di Pavia, che sta soffrendo ancora sul piano economico, sia nell'Agricoltura sia nel turismo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento